Solare sempre piu’ efficiente, grazie alla fotosintesi

Condividi questo articolo:

Proseguono gli studi per dar vita a tecnologie solari e fotovoltaiche che imitino la fotosintesi naturale,  producendo ancora piu’ energia

 

Il solare si fa sempre piu’ efficiente: presto potranno arrivare sul mercato delle tecnologie che migliorano gli impianti solari, con innovazioni nel fotovoltaico e nelle celle a combustibile. I Ricercatori dell’Istituto nanoscienze e dall’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr stanno studiando i meccanismi della fotosintesi naturale, provando a riprodurla artificialmente, basandosi però sulla meccanica dei quanti e non sulla fisica classica.

La fotosintesi potrebbe quindi migliorare l’efficienza del solare e del fotovoltaico: il processo naturale di conversione di luce in energia più diffuso sul nostro pianeta, continua ad ispirare la ricerca scientifica per produrre energia pulita. Lo studio del Cnr su molecole artificiali rivela, con un dettaglio mai raggiunto prima, i fenomeni quantistici alla base dei processi fotosintetici e fotovoltaici. Il risultato, a firma dell’Istituto nanoscienze (Nano-Cnr) e dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie (Ifn-Cnr), in collaborazione con le università di Modena e Reggio Emilia, di Oldenburg e dei Paesi Baschi e il Politecnico di Milano, è pubblicato su ‘Nature Communications’.

‘Usare la luce solare per produrre energia pulita è una delle sfide scientifiche del prossimo futuro’ afferma Carlo Andrea Rozzi di Nano-Cnr di Modena. ‘Comprendere che l’efficienza del processo dipende in modo determinante dalla flessibilità strutturale della molecola che collega recettore e accettore servirà a progettare sistemi molecolari artificiali più efficienti da impiegare in nuovi dispositivi fotovoltaici e nuove celle a combustibile’ spiega Rozzi. ‘La natura, con la fotosintesi ha sviluppato architetture molecolari efficientissime per convertire la luce solare in energia chimica, mentre l’uomo ha scoperto come trarre energia elettrica dalla luce grazie ai sistemi fotovoltaici. In entrambi i processi è cruciale la fase iniziale, nota come light-harvesting o raccolta della luce, dove l’energia di eccitazione di una molecola recettore, che assorbe la luce incidente, viene trasferita a molecole più distanti’

(gc)

Questo articolo è stato letto 10 volte.

fotosintesi, fotovoltaico, quantistica, solare

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net