ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Natale, Osservatorio Sigep: in ripresa consumi dolci delle feste, +1,4% rispetto al 2022-Expo 2030, Rampino (Camcom Italo-Araba): "Vittoria Riad non sorprende, ora gran opportunità per aziende italiane"-Pacifico (Anief): "Ttutte le risorse di aumenti Ccnl su indennità vacanza contrattuale"-Fiere, Panama tra le novità di Artigiano in fiera 2023-bitCamp è il primo vero campus online che prepara gli sviluppatori del futuro con Corsi Java, Python, AI e Data Scientist-Startup: ecco Lookup, premia chi si disconnette da smartphone-Professione Giardiniere d’arte, in Emilia Romagna si forma una nuova figura con qualifica-Ue, 'Fondi europei ed European Project Management', il 2 dicembre presentazione del corso di alta formazione-Lavoro, Cfi: "L'esperienza italiana fa scuola, la legge Marcora protagonista in Europa"-Ey Italia nell' anno fiscale 2023 fatturato record a 1,1 miliardi (+20%)-Le eccellenze marchigiane in vetrina a Milano ad Artigiano in fiera-'Company for generation Z': ecco migliori aziende in Italia che investono su giovani talenti-Il mondo dei prodotti naturali del 'vivere bene' protagonisti ad Artigiano in fiera-Poste al primo posto a livello mondiale in ranking S&P Global settore assicurativo-Welfare, Caridi (Inps): "Chiave per sviluppo Siisl è interoperabilità, AI per trovare lavoro''-Natalità, Plasmon: "Da unico tavolo aziende istituzioni famiglie società nasce rete Adamo"-Natalità, De Palo: "E' un investimento, non un costo"-Natalità, Finazzo (Edenred): "Importante adottare piani welfare"-Federlegnoarredo, bene riciclo alta qualità legato alla materia e non più al prodotto-Engineering a 'Utility day 2023' con 'Energy community'

L’eolico sarà la prima fonte di elettricità nell’Ue

Condividi questo articolo:

L’agenzia internazionale dell’energia dipinge un futuro sempre più rinnovabile, ma il petrolio non andrà in pensione

Le energie rinnovabili stanno crescendo in tutto il mondo ed entro il 2030 l’eolico potrebbe diventare la prima fonte di elettricità dell’Unione europea. È la stima diffusa dall’agenzia internazionale dell’energia (Aie) nel World Energy Outlook 2017. Diverse le previsioni per gli Stati Uniti: “grazie a petrolio e gas di scisto, diventeranno il più grande esportatore mondiale di gas naturale liquefatto entro la metà del prossimo decennio. Inoltre, entro il 2030 saranno esportatori netti di petrolio, per la prima volta dal 1953. Significherà che consumeranno meno petrolio di quello che produrranno”.

Nei prossimi 25 anni, come spiega il rapporto, la domanda energetica (sempre in crescita) verrà soddisfatta in maggior parte da fonti rinnovabili e da gas naturale. Il solare in futuro sarà la fonte di energia più economica.

Il petrolio però non andrà in pensione, continuerà a servire per autocarri, aerei, navi e settore petrolchimico e il suo consumo continuerà a crescere fino al 2040.

Cattive notizie per la C02: le emissioni aumenteranno lievemente entro il 2040. Per questo il contenimento della CO2 non è ancora sufficiente per evitare gli impatti gravi del cambiamento climatico. E se non riusciremo a rispettare gli accordi di Parigi rischiamo grosso.

Questo articolo è stato letto 29 volte.

energia, eolico, europa, rinnovabili

Comments (47)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net