ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Manovra: Gazzi, 'Cambiarla per garantire diritti'-Approda a Salerno Dodecà, il supermercato conveniente-Unicredit: accordo con Iren, 140 mln a sostegno dei fornitori della multiutility-Tennis: Pennetta, 'siamo tutti con Peng Shuai, bene Wta a sospendere tornei in Cina'-Elezioni: Ricci a Calenda, 'se non cambia legge elettorale, uniti o si perde'-Sci: Runggaldier, 'in Canada ho visto una Goggia al top'-Elezioni: Della Vedova, 'se Pd per Conte si chiude in alleanza solo con M5S'-**Centro: Della Vedova, 'Renzi e Toti? Coraggio Italia guarda a destra, incompatibile con noi'**-Banca Ifis è il primo istituto in Italia in trasparenza comunicazione digitale-Elezioni: dubbi Conte su suppletive Roma, chiesto da più parti ma restano perplessità-Elezioni: Nannicini (Pd), 'no a collegio Roma per primarie interne a centrosinistra'-Don Ciotti: "Renato Cortese uomo delle istituzioni"-**Cinema: è morta Martha De Laurentiis, moglie del produttore Dino**-È nata la prima “rete GAL -Puglia”-**Calcio: Totti, 'La Roma? Non disprezzo rosa ma non ci sono campioni'**-Human Freedom chiude a Parigi con spettacolo compagnia Raizes-**Calcio: Totti, 'dialogo con la Roma? Futuro non so cosa riserverà, tutto potrà succedere'**-Calcio: Totti, 'allo stadio sensazione diversa, orgoglioso di quanto fatto in 30 anni nella mia Roma'-**Calcio: Totti, ‘se non sei della Roma non soffri, ma merita palcoscenici più importanti’**-Covid oggi Italia, quanti sono i vaccinati: numeri aggiornati al 6 dicembre
rivoluzione

Post Covid-19: al via la rivoluzione

Condividi questo articolo:

rivoluzione

Per la ripartenza occorre stimolare spirito imprenditorialità. Una rivoluzione che ci chiede di riorientare i nostri driver di creazione del valore

La digitalizzazione e lo smart working stanno entrando sempre di più nelle abitudini delle aziende italiane, modificando e ottimizzando il loro approccio al lavoro.

Un cambiamento inevitabile visto il periodo di emergenza che il nostro Paese sta vivendo e continuerà a vivere. L’altro concetto-chiave è quello di mobilità sostenibile che sarà centrale nella Fase due che dovrebbe partire il prossimo 4 maggio.

Più piste ciclabili ed e-bike, potenziamento dei trasporti sotto il segno del “green” per favorire il distanziamento sociale che resta l’arma vincente nella lotta al virus.

L’intensità e l’incertezza di queste settimane ci pone continuamente davanti ad aspettative disattese.

Il “cigno nero” Coronavirus può mandare in profonda crisi il nostro business ma può anche riorientare i nostri driver di creazione del valore.

Questa pandemia – dall’impatto esponenziale –  ci pone davanti alla necessità di mettere in campo risorse e soluzioni che non pensavamo di avere stimolando il nostro spirito d’imprenditorialità.

Coronavirus e smart working, è infatti diventato un binomio ormai imprescindibile per i lavoratori che, a seguito della pandemia, in molti casi si sono visti costretti a “sperimentare” la validità organizzativa di questo strumento.

Una necessità che potrebbe trasformarsi in un’opportunità. La tecnologia ci permette di rivoluzionare radicalmente l’organizzazione delle aziende. Quasi sempre aumentando produttività ed efficienza organizzativa e riducendo i costi.

“Lo smart working è una modalità di lavoro che permette di svolgere la propria attività in remoto. In Italia, secondo l’Osservatorio della School of management del Politecnico di Milano nel 2019 ne hanno fruito 570mila lavoratori, con una crescita del 20% rispetto all’anno precedente”, ricorda Antonio Ambrosetti, AD Ruling Companies.

“L’emergenza che sta paralizzando l’Italia ha totalmente stravolto le nostre abitudini, dalle semplici azione quotidiane alla nostra giornata lavorativa. Una possibilità che, anche se legata a un periodo critico, può trasformarsi in un’opportunità per il mercato del lavoro. A mio giudizio anche una volta terminata la fase critica lo smart working continuerà”, conclude Ambrosetti.

Tale opportunità ha dimostrato di avere un impatto sia sui costi aziendali (pensiamo ad esempio a metratura degli uffici e bollette) sia sulla produttività. Guardando la cosa dal punto di vista dei lavoratori, il lavoro agile apre la strada a una migliore conciliazione con la vita privata, senza dimenticare il rischio di non coltivare i rapporti face-to-face. 

 

 

Questo articolo è stato letto 96 volte.

COVID19, imprenditorialità, ripartenza, rivoluzione, smart working

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net