ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"

Bottoni fatti con le piante e con la plastica riciclata

Condividi questo articolo:

«Prym fashion» lancia una linea di bottoni sostenibili, mostrando l’importanza di ogni componente dell’abbigliamento (e quindi dell’inquinamento)

Il problema dell’industria della moda è sicuramente (anche) ambientale: la tendenza alla moda veloce ha esasperato le pratiche già dispendiose di produzione e ha portato a enormi quantità di rifiuti di abbigliamento che non possono essere né riusati, in quanto di bassa qualità, né riciclati.
Per questo il problema dei marchi che si vogliono concentrare su una moda più sostenibile è di certo il reperimento di materiali perché la sfida è trovare qualcosa che sia economico e che non abbia un impatto negativo sul pianeta. «Prym Fashion» ha preso questa problematica molto sul serio e quindi si è concentrata su una ricerca approfondita, decidendo di concentrarsi su qualcosa di molto piccolo, che di solito è lasciato indietro: i bottoni delle camicie.

Mentre tutti si concentrano a trovare tessuti sostenibili per i vestiti, questa azienda con la sua scelta ha lanciato un messaggio importante: anche i dettagli più piccoli possono avere un impatto di produzione e di scarto grande quanto i più grandi componenti della moda.

I bottoni certificati di Prym Fashion LIFE (dove LIFE sta per «Low Impact Fastener Ensemble») offrono ai produttori di abbigliamento una soluzione a questo problema. Disponibili nelle versioni EcoWhite ed EcoGreen, offrono soluzioni amiche della terra per l’abbigliamento sportivo (da interno e da esterno) e per la moda dei più piccoli (bambini e neonati):
i bottoni EcoWhite sono realizzati con bottiglie d’acqua riciclate per eliminare l’uso del petrolio grezzo e per deviare la plastica monouso dal flusso dei rifiuti: una singola bottiglia d’acqua può produrre 13 bottoni;
i bottoni EcoGreen sono verdi perché vengono da materiali vegetali, come l’amido di patate e di conseguenza sono sia biodegradabili che riciclabilei;
i bottoni EcoBlue non esistono ancora, ma sono all’orizzonte: avranno origine dalla plastica oceanica riciclata.

Questo articolo è stato letto 1.430 volte.

abbigliamento, abbigliamento ecologico, bottoni, plastica

Comments (183)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net