ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ndicka, le cause del malore: ipotesi trauma toracico-Amadeus lascia la Rai, non rinnoverà il suo contratto-Udinese-Roma sospesa, le ipotesi per il recupero della sfida-E' morto Mattia Giani, calciatore del Castelfiorentino colpito da malore in campo-Editoria, Adnkronos lancia campagna istituzionale del suo sito web-Milano, di proprietà della 'Ndrangheta i locali della movida: 14 arresti per infiltrazione mafiosa-Made in Italy, Acampora: "Prezioso il lavoro di Urso per riportare al centro l'orgoglio nazionale"-EY Italia, Stefania Boschetti è la nuova Ceo-Ucraina, Kiev: "Zaporizhzhia colpita 400 volte in 24 ore". Attacco Russia nel Donetsk: 4 morti-Samsung strappa ad Apple il primo posto nelle vendite di smartphone-Fiorello: "Amadeus ospite ultima puntata VivaRai2, forse ultima cosa in Rai"-Rifiuti, Iacono (ad Hera): "Ne recuperiamo oltre 7 milioni di tonnellate"-Sostenibilità, Ramonda (ad Herambiente): "Investiamo sulla rigenerazione delle risorse"-Attacco Iran a Israele, Macron: "Francia ha intercettato droni su richiesta Giordania"-Cinema, Delli Colli: "I Premi aiutano, può essere un modo per fare tornare un film nelle sale"-Palermo, violenza sessuale di gruppo su una turista: due arresti-Cinema, Detassis: "Quest'anno David Donatello cambierà, con red carpet e prima serata"-Cinema: si concludono a Siracusa gli Stati generali, duecento ospiti in tre giorni-Benzina, prezzo ancora su: è ai massimi da 6 mesi, quanto costa-Carabinieri morti a Salerno, deceduto anche anziano coinvolto in incidente

Convivere con un partner disordinato

Condividi questo articolo:

Consigli per una buona convivenza

Vivere con un partner disordinato può non sembrare un problema all’inizio. Ma, a lungo andare, il peso quotidiano di dover sistemare i vestiti di qualcun altro ogni volta che si torna a casa dal lavoro, può diventare scoraggiante e irritante.

Affrontare il problema in modo diretto è sempre la prima soluzione da provare, per far capire al proprio partner l’importanza di fare squadra e di aiutarsi a vicenda.

Vivere con altre persone che probabilmente hanno un approccio diverso alla gestione della casa, significa anche dover imparare a trovare vie di mezzo, scendere a compromessi per rispettare le inclinazioni e i modi di vivere dell’altra persona.

  1. Organizzare un posto per ogni cosa

Mettere a posto qualcosa è molto più facile quando si sa dove riporla.

Bisogna quindi pensare fin dall’inizio al posto migliore in cui mettere i libri, dischi e così via, e assicurarsi di conservarli sempre nello stesso posto. Creando buone abitudini, si compiranno le azioni senza nemmeno pensarci e tutto diventerà più naturale.

  1. Non buttare dove ti trovi, ma riponi al suo posto

È una tentazione condivisa quella di mettere le chiavi sul primo mobile che si ritrova davanti, o di lasciare la borsa della palestra sul pavimento appena si rientra in casa. Questo, però, provoca più lavoro in seguito: piuttosto, il consiglio, è di mettere a posto questi oggetti immediatamente. Sarà anche più facile trovarli in seguito.

  1. In caso di dubbio, buttalo

Se ritrovi un accessorio, indumento o oggetto che non vedevi da tanto tempo e che quindi non ti è servito per un periodo, valuta se buttarlo o donarlo, così da fare spazio in casa.

  1. Qualità rispetto alla quantità

È meglio avere meno oggetti di cui hai bisogno, piuttosto che una casa piena di cose che non hanno significato o una finalità particolare.

  1. Personalizza il tuo sistema di gestione

Adattalo a te e a coloro con cui condividi la tua casa, per creare un metodo che agevola lo stile di vita di tutti.

  1. Tieni un elenco delle cose e delle aree che hanno bisogno di attenzione o in cui c’è bisogno di effettuare lavoretti o manutenzioni speciali.
  2. Infine, condividi con il tuo partner la responsabilità di mantenere la casa gestita e organizzata.

Luna Riillo

Questo articolo è stato letto 124 volte.

disordine, ordine in casa, partner disordinato, pulizia

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net