ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (2)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (3)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (4)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (5)-M5S: Bonafede, 'basta divisioni e polemiche'-Vescovo di Ozieri: "A Caritas né favori né atti indebiti, pronti a documentarlo"-Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità-**M5S: Corrao, 'congressi territori poi Stati generali, 12 novembre nuovi vertici'**-Fondirigenti, formazione spinge aumento produttività-Oncologo a medici, 'per aiutare a smettere di fumare slogan 'fallo o muori' non funziona'-Fumo, esperti: 'Innovare politiche di controllo con dispositivi a rischio ridotto'-Cdp: "Con Fondo Nazionale Turismo mobilitati fino a 2 mld"-Gorno Tempini (Cdp): "Turismo settore strategico con potenziale inespresso"-Turismo, nasce Fondo nazionale. Franceschini: "Guarda al futuro"-Dalla cattura di CO2 alle nuove batterie, le predizioni di Ibm-Covid, ecco perché virus colpisce uomini in forma più grave-Usa, forte calo consumo e-cig tra giovani-Cardiologo Biondi Zoccai, 'e-cig possono aiutare a smettere'-Proposta per aiutare a smettere di fumare, meno tasse su dispositivi a rischio ridotto

Mygdal Plantlight

Condividi questo articolo:

Una fioriera autosufficiente che non ha bisogno della luce solare per far crescere le piante

Anche chi non è un esperto di giardinaggio sa che mettere le piante in un luogo buio non gli permette di crescere: ogni tipo di arbusto ha bisogno di un accesso alla luce solare, sia essa diretta che indiretta. È sempre stato così, almeno fino a oggi. Ora, però, una società tedesca ha cambiato le carte in tavola, creando un dispositivo che permette di far crescere le piante in qualsiasi luogo.

Si chiama Mygdal Plantlight questo dispositivo, ed è stato creato dal Nui Studio: si tratta di una fioriera che è in grado di fornire da sola tutta l’umidità e la luce di cui una pianta ha bisogno e che, grazie al controllo della temperatura e alla facilità con cui si regolano le sue impostazioni, può essere usata in ogni casa o ufficio.
La combinazione di design e tecnologia fa sì che le piante ricevano acqua e luce ottimali per ottenere delle perfette condizioni di crescita, che permettono di farle essere rigogliose sia in un seminterrato senza finestre che durante le più dure giornate senza sole.

La fioriera è un specie di lampada trasparente che pende dall’alto, sospesa in un vetro sigillato ermeticamente, che crea un ecosistema circolare in modo che le piante non abbiano bisogno di essere innaffiate – il ciclo di condensazione ed evaporazione fornisce abbastanza umidità per far prosperare le piante.

Sono le luci a LED che forniscono sia l’illuminazione sia il calore necessario, ma sei tu che pianifichi quando e per quanto tempo vuoi che la tua pianta riceva luce. Inoltre, Mygdal Plantlight funziona anche come fonte di luce aggiuntiva nella stanza in cui viene posta.
La lunghezza della luce solare, l’intensità e persino il colore della luce si possono regolare da uno smartphone o da un tablet, senza la necessità di aprire la fioriera – comunque, qualora fosse necessario aprire il dispositivo, il fondo del disco in alluminio è facile da rimuovere.

 

Questo articolo è stato letto 22 volte.

design, ecosistema circolare, fioriera autosufficiente, giardinaggio, led, luci Led, Smartphone, tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net