Scoperto il progenitore del cristallo, un extraterrestre molto speciale che viene dallo spazio

Condividi questo articolo:

È stato scoperto qualche giorno fa il primo quasi-cristallo. Proviene dallo spazio ed è conservato nel Museo di storia Naturale a Firenze. E’ un extraterrestre molto speciale

Lo spazio ci ha regalato un extraterrestre molto speciale, il quasi-cristallo, un cristallo la cui struttura è solo apparentemente regolare. A scoprirlo è stato il gruppo coordinato dall’italiano Luca Bindi, dell’università di Firenze e del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), ed oggi è conservato nel Museo di Storia Naturale dell’ateneo toscano.

Il quasi-cristallo potrebbe rappresentare un nuovo tipo di corpo extraterrestre, databile a circa 4,5 miliardi di anni fa, contemporaneo alla formazione del sistema solare. In esso sono state individuate inclusioni del minerale stishovite, un polimorfo del biossido di silicio che si forma solo a pressioni elevatissime.

Una struttura  ordinata ma con schemi che non si ripetono mai, è questa la caratteristica originale dei quasi-cristalli. Lo aveva affermato lo scorso anno David Shechtman, vincendo così il premio Nobel per la chimica. Ma ancora non si aveva in natura una rappresentazione dell’elemento. Fino a qualche giorno fa.

(GC)

Questo articolo è stato letto 13 volte.

cnr, cristalli, extraterrestre, Luca Bindi, quasi-cristallo, spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net