Gli ambientalisti giapponesi fermano la caccia alle balene

Condividi questo articolo:

Vittoria degli ambientalisti in Giappone, sono riusciti per ora a bloccare il Governo giapponese che autorizza per fini “scientifici” la caccia ai grandi crostacei. Per di più gli ambientalisti sostengono che la carne che finisce sulle tavole dei giapponesi non è per niente apprezzata, quindi la caccia è davvero ingiustificata

Il Giappone ha sospeso la caccia alla balena in Antartide in seguito alle azioni di disturbo degli ecologisti del gruppo ’Sea Shepherd’. Secondo quanto riferito dal portavoce del governo di Tokyo Yukio Edano, l’attivita’ della baleniera ’Nisshin Maru’ e’ stata sospesa dal 10 febbraio e al momento il ministero della Pesca sta studiando quando verra’ ripresa. Le azioni di disturbo di Sea Shepherd consistono nell’interporsi con le navi e i gommoni fra le navi arpionatrici e le balene, oltre a lanciare bombe puzzolenti o di vernice contro le baleniere, e tentare di bloccare le eliche con funi d’acciaio. Le attivita’ di disturbo stanno costando milioni alla flotta giapponese, e gli ambientalisti sperano che la pressione finanziaria metta fine del tutto alla caccia ’scientifica’, che sfrutta una scappatoia del trattato baleniero internazionale.
’Abbiamo la maggioranza dell’opinione pubblica dalla nostra parte, abbiamo la legge internazionale dalla nostra parte, ed e’ solo questione di tempo prima di poter vedere la fine delle loro operazioni illegali’, dicono gli ambientalisti.
Le autorita’ di Tokyo affermano che questa caccia fa parte integrante della cultura nipponica, senza nascondere che, nonostante i dichiarati fini di ricerca, la carne finisce sulla tavola dei giapponesi. Gli ecologisti dal canto loro denunciano una pratica crudele e inutile, sottolineando che la carne non e’ piu’ particolarmente apprezzata in Giappone, e che le missioni sovvenzionate dalle autorita’ costano care ai contribuenti.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

ambientalisti balene, balene, caccia balene, carne balena, giappone ambientalisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net