Scienze: quale specie marina pesa di piu’ al mondo nel suo complesso?

Condividi questo articolo:

Piu’ un organismo e’ in alto nella catena alimentare, piu’ tende ad essere di grandi dimensioni, eppure diventa anche piu’ piccolo il peso complessivo della sua specie

E’ il plancton la specie marina che nel suo complesso pesa di più al mondo. Strano ma vero, il loro peso complessivo supera di milioni tonnellate quello delle balenottere azzurre. Questo perché più un organismo è in alto nella catena alimentare, più tende ad essere di ‘grandi dimensioni’, eppure, paradossalmente, diventa anche più piccolo il peso complessivo della sua specie. Si tratta ovviamente di una regola che vale in senso opposto, per le specie più piccole al grandino più basso della scala alimentare.

Le balenottere azzurre ad esempio, non trasformano tutto il cibo consumato in massa corporea: una parte viene infatti utilizzata per far funzionare il metabolismo. Di questi esemplari quindi, che pesano ognuno 150 tonnellate, ne esistono solo 10mila. Questo significa che il loro peso complessivo come specie è di ‘soli’ 1.5 milioni di tonnellate. Se andiamo più in basso nella catena alimentare però, ci sono i krill atlantici (pasto preferito delle balenottere), che sono lunghi solo pochi centimetri. Eppure il loro peso complessivo è cento volte maggiore della massa totale delle balene (considerando ovviamente il loro numero nettamente superiore a quello dei cetacei). Ancora più in basso c’è il plancton (di cui il krill si nutre), che pur comprendendo molte specie diverse, ha una distribuzione individuale nei mari ‘inimmaginabile’ rispetto alle altre 2 specie, con un peso, quindi, largamente superiore.

(ml)

Questo articolo è stato letto 9 volte.

balene, balenottere, cibo, krill, peso, plancton

Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net