soldati robot

Arrivano i soldati robot?

Condividi questo articolo:

soldati robot

L’esercito britannico potrebbe arrivare ad arruolare fino al 25% di soldati robot

Nei prossimi decenni, nelle file dell’esercito britannico si potrebbero trovare decine di migliaia di soldati robot.

Il generale Nick Carter, capo di stato maggiore della Difesa dell’esercito britannico, suggerisce che nuovi droni e robot potrebbero costituire una frazione significativa delle forze armate.

Riferisce The Guardian che parte del piano è compensare il calo del numero di reclute umane ma, allo stesso tempo chiarisce, per stessa ammissione di Carter, che non c’è un pensiero chiaro sul futuro della guerra robotica.

È tutto da vedere.

Carter ha affermato che una massiccia spinta verso la robotizzazione dell’esercito robotico, in cui un gran numero di soldati robotici autonomi o telecomandati sostituiscono i combattenti umani, potrebbe essere operativa entro il 2030.

“Voglio dire, sospetto che potremmo avere un esercito di 120.000, di cui 30.000 potrebbero essere robot, chi lo sa”, ha detto Carter – chiarendo in seguito di essere molto cauti con i numeri che aveva dato, che non erano specifici del progetto.

Racconta The Guardian che ogni ramo delle forze armate britanniche sta già sperimentando droni militari, come l’i9 – un aeromobile dotato di due fucili a pompa destinato a essere pilotato nel caso di situazioni con la presenza di edifici ostili.

In ogni caso, il generale Carter ci ha tenuto ad avvertire che un futuro che includa la guerra automatizzata è un futuro in cui le guerre potrebbero iniziare accidentalmente sulla base di un errore di calcolo – che porterebbe a una escalation di errori che porterebbe a chissà ché.

“Sto dicendo che è un rischio e dobbiamo essere consapevoli di questi rischi”, ha detto il generale.

 

Questo articolo è stato letto 10 volte.

Gran Bretagna, guerra, militari robot, robot, soldati robot

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net