satellite

Se i satelliti diventano di legno

Condividi questo articolo:

satellite

Il primo satellite al mondo in legno: inquina di meno e non rischia di caderci in testa

L’azienda giapponese Sumitomo Forestry sta collaborando con l’Università di Kyoto per sviluppare il primo satellite in legno al mondo.

I due enti hanno già avviato ricerche per determinare la possibilità di utilizzare il legno nello spazio. Questa ricerca metterà alla prova la crescita degli alberi e l’uso del legno in ambienti estremi sulla Terra.

Se questi test avranno successo, il progetto spera di introdurre al mondo questo satellite in legno entro il 2023.

Secondo Sumitomo Forestry, i satelliti in legno forniscono una soluzione ideale per ridurre la spazzatura spaziale.

Gli esperti spaziali ci hanno avvertito da tempo sui pericoli dell’aumento della spazzatura causata dai satelliti: il World Economic Forum stima che circa 6.000 satelliti stanno girando intorno alla Terra, di cui il 60% sono defunti.

I satelliti spesso vengono lanciati nello spazio per usi diversi. Sfortunatamente, una volta che hanno terminato il loro lavoro, rimangono nello spazio e si disintegrano lentamente, rilasciando particelle di allumina o altri metalli nell’atmosfera superiore – pezzi che possono rimanere nell’atmosfera per secoli.

Oltre all’inquinamento atmosferico, i satelliti stessi rappresentano anche un potenziale rischio in caso di caduta sulla Terra.

Secondo i ricercatori dell’Università di Kyoto, i satelliti in legno possono disintegrarsi nello spazio senza produrre spazzatura pericolosa per la vita. Una volta che un satellite ha servito al suo scopo, si disgregherà lentamente, evitando così la creazione di spazzatura spaziale aggiuntiva.

Secondo quanto raccontato da BBC News, la società di ricerca Euroconsult prevede che se tutti i fattori rimangono costanti, circa 990 satelliti verranno lanciati nello spazio ogni anno nel corso del prossimo decennio.

Ciò significa che potremmo avere circa 15.000 satelliti in orbita attorno alla Terra entro il 2028.

Oggi, SpaceX di Elon Musk ha già lanciato più di 900 satelliti Starlink nello spazio e la società prevede di dispiegarne altri migliaia. Senza piani di sostenibilità, questi sforzi non faranno che aumentare esponenzialmente il problema della spazzatura spaziale.

 

Questo articolo è stato letto 35 volte.

riduzione rifiuti spaziali, satelliti, satelliti di legno, satelliti e inquinamento

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net