ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Usare la tecnologia 3D per ricostruire il passato: l’esempio di Palmira

Condividi questo articolo:

Un arco monumentale di Palmira, città siriana distrutta dall’ISIS, ricostruito grazie a un braccio robotico che ha lavorato sulle immagini di questo capolavoro del passato

Il potenziale della stampa 3D appare sempre più imponente, dalle automobili agli organi di ricambio per il nostro corpo: questa tecnologia sembra fantascienza, la gran parte delle volte.

Adesso potrebbe aiutarci anche con il passato.

Le immagini dell’antica città di Palmira distrutta dall’ISIS hanno fatto il giro del mondo, sconvolgendo tutti e, anche se è qualcosa che non potrà mai essere cancellato, si può cercare di non abbandonare quelle macerie, si può cercare di far rivivere quel passato grazie a questa tecnologia che sembra venire assolutamente dal futuro.

Un modello 3D di un arco monumentale della città di Palmira è stato presentato a Londra, in Trafalgar Square, per essere precisi. Costruito da The Institute for Digital Archaeology, questo modello è due terzi le dimensioni del monumento originale ed è stato scolpito da un braccio robotico su marmo egiziano – è alto 5,5 metri e ci sono voluti 145.000 dollari (quasi 127.000 euro) per realizzarlo.  

Triumphal Arch of Palmyra Under Construction from Erin Simmons on Vimeo.

Il monumento originale fu eretto nei primi anni del III secolo per commemorare le campagne vittoriose contro i Parti dell’imperatore romano Settimio Severo ed era quindi una parte importante della storia della città, in un’epoca in cui la città era uno snodo essenziale sulla Via della Seta e, sotto la guida della famosa regina Zenobia, aspirava al proprio Impero d’Oriente .

Il modello è rimasto in Trafalgar Square per tre giorni, prima di essere imballato per un tour intorno al mondo la cui destinazione finale è proprio Palmira, dove verrà installato – vicino a dove si trovava l’arco originale.

Il messaggio che c’è all’interno del Million Image Database Project – da dove sono state prese le immagini per la ricostruzione – è che non si può spazzare via il nostro patrimonio umano: la ricostruzione è una forma di lotta positiva che ha a che fare con la bellezza e con l’umanità, ma soprattutto con la voglia di erigere invece di distruggere.

 

Questo articolo è stato letto 3 volte.

3D, Arco, Palmira

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net