ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ministero Lavoro: "Ecco Sviluppo Lavoro Italia agenzia per attuazione politiche attive"-Infortuni, D'Ascenzo: "Nuova banca dati Inail per strategie prevenzione sempre più precise"-Manageritalia, +8,1% donne dirigenti nell'ultimo anno, dal 2008 raddoppiate in gestione-Fiere, Casaidea: "Artigianato di qualità innovazione e tante idee per abitare l'esterno"-Turismo: AlUla presenta 'Forever Revitalising', prima campagna di promozione globale-Sardegna, Muscas (Confapi Donna): "Frantumato tetto di cristallo, ora via muro imprese-burocrazia"-Sardegna, l'imprenditore Agabio: "Speranza che nuova giunta dialoghi con aziende tech locali"-Turismo, dal 10 al 17 marzo a Milano va in scena la Ireland Week-Dal Consorzio della mozzarella di bufala campana Dop una maxi treccia tricolore a Mattarella-Roma Couture, l'Alta Moda Capitolina torna in passerella-Sardegna, Durante (Cgil): "Da Todde ci aspettiamo dialogo sociale, pronti a collaborare, agire su emergenze"-Altroconsumo, più consapevolezza che pensione non basterà ma 1 su 3 non fa nulla-Cida: "Politica si faccia carico del ceto medio, il pilastro che sostiene l’Italia"-Sardegna, De Pascale (Confindustria) a Todde: "In primi 100 giorni sbloccare Grandi opere"-Sardegna, Giachetti (Aidda): "Vittoria Todde oltre contingenza politica, è donna di talento"-Da Milano-Bicocca i corsi 2024-2025, c'è anche Management per gli studenti lavoratori-Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi

Una stampante 3D per curare le nostre ferite

Condividi questo articolo:

In caso di lacerazione, la nostra pelle potrebbe essere guarita in pochi minuti grazie a questa stampante portatile

Gli scienziati della University of Toronto hanno creato una stampante 3D per la pelle che sembra venire direttamente dal futuro, come se fossimo in un film di fantascienza. Il dispositivo, secondo l’università, «forma il tessuto in situ, depositandolo e posizionandolo sul posto, entro due minuti o meno».

Quello che fa la stampante è dispensare una specie di nastro bianco che però non è affatto un rotolo, ma un «inchiostro» composto da biomateriali a base di proteine come il collagene e la fibrina che corrono lungo i lembi del tessuto in strisce verticali. Il collagene è la proteina più abbondantemente presente nel derma e la fibrina, un’altra proteina, serve ad aiutare la guarigione della ferita.

La maniera in cui la stampante è stata progettata permette, ovviamente, di adattare ai pazienti tessuti specifici, anche a seconda delle caratteristiche delle loro ferite.

Quello che è davvero molto interessante, inoltre, è che, a differenza delle altre bio-stampanti 3D di oggi, che sono molto ingombranti, costose e lente, questa stampante portatile è grande quasi quanto una scatola da scarpe e pesa meno di un chilogrammo. L’università ha dichiarato che «richiede anche istruzioni minime da parte dell’operatore ed elimina le fasi di lavaggio e di incubazione richieste da molte bio-stampanti tradizionali».

Il lavoro del team non è ancora terminato e i ricercatori mirano ad aggiungere ancora più funzionalità alla stampante, mentre intanto stanno pianificando ulteriori studi in vivo.

La ricerca che racconta questa innovazione è stata pubblicata dalla rivista «Lab on a Chip».

 

Questo articolo è stato letto 7 volte.

ferite, Stampa 3D, stampante, stampante 3d, suture

Comments (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net