ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Governo: sondaggio Ipsos, alta fiducia in Conte e nel governo, Lega primo partito-L’innovazione applicata a informazione ed educazione: Andrea Scanzi e Paolo Crepet ospiti sul Mainstage del WMF online nella giornata inaugurale-Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia (2)-Fase 3: ecco lettera Conte-Sanchez a Ue, criteri a frontiere uguali per tutti-Fase 3: Conte, 'su confini Ue criteri condivisi per ritorno normalità'-Aids, diagnosi precoce e qualità della vita: a caccia di sviluppatori per soluzioni innovative-Bombardier: taglierà 2.500 posti di lavoro, pesa emergenza Covid-**Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia**-Varese: spintoni e sberle all'asilo, 5 maestre indagate a Busto Arsizio-**Governo: Conte concentrato su ripresa, mai pensato a suppletive Senato**-Coronavirus: Gori, 'gesto di affetto presenza Mattarella a Bergamo il 28 giugno'-Coronavirus: Mattarella il 28 giugno a Bergamo per commemorazione vittime-Al via giovedì Forum della Comunicazione, asset anti-Covid-Coop, marzo-aprile +5% vendite ma ipermercati - 11%-Fase 3: Conte riunisce capi delegazione, Gualtieri e Patuanelli-Lombardia: consiglio regionale il 9 giugno, tra mozioni richiesta danni a Cina-Lombardia: consiglio regionale il 9 giugno, tra mozioni richiesta danni a Cina (2)-Latini (Coop): 'Sicurezza, prezzi e italianità in cima attese consumatori'-Pedroni (Coop): 'Timori per freno alla spesa, non siamo ottimisti'-Governo: Cdm impugna 4 leggi regionali, norma Abruzzo su Covid

Un’app per guardare dentro il nostro corpo

Condividi questo articolo:

Curiscope è una nuova applicazione che grazie all’aiuto di una particolare maglietta permette di guardare all’interno della propria cavità toracica

Pensiamo di sapere abbastanza del nostro corpo? Ci rendiamo davvero conto di ciò che non possiamo vedere dall’esterno? Quanto conta per noi la nostra anatomia? La maggior parte delle persone si sente fiduciosa su se stessa, nonostante non abbia mai dato un’occhiata dentro di sé – letteralmente parlando. 

Ed Barton e la sua start-up inglese Curiscope sperano che le persone possano iniziare a darla questa occhiata, grazie a una combinazione di realtà virtuale (VR) e di realtà aumentata (AR).

Quello che succede con Curiscope è che, utilizzando un’applicazione di anatomia (VR) e delle Virtuali-Tee – ovvero delle magliette speciali – create della società, sarà possibile guardare all’interno della propria cavità toracica. Grazie al tracciamento posizionale, si avrà una compenetrazione tra elementi fisici e digitali, ottenendo un’esperienza più legata alla realtà: AR diventerà la nostra interfaccia mediante le Virtuali-Tee e VR sarà usata per il trasporto di noi stessi da qualche altra parte.

Questa tecnologia, in pratica, utilizza un codice QR molto stilizzato, stampato sulla parte anteriore della t-shirt: quando si eseguirà la scansione del codice con l’applicazione corrispondente, sarà possibile esplorare in tutta la cavità toracica, inclusi il cuore e i polmoni. Questa t-shirt, insomma, potrebbe essere uno strumento davvero incredibile per i curiosi: potrebbe essere utilizzata per scopi educativi, consentendo all’anatomia e alla biologia di essere un’esperienza divertente che gli studenti possono davvero analizzare con coinvolgimento; ma anche al di fuori di un contesto educativo formale, questo dispositivo potrebbe consentire una migliore connessione tra noi e la nostra biologia. Le Virtuali-Tee potrebbero aiutare le persone a comprendere meglio le proprie attività interne e come le cose che facciamo ogni giorno – da quello che mangiamo a come ci muoviamo – influenzano la nostra salute.

Barton e il co-fondatore di Curiscope Ben Kidd hanno finora raccolto quasi 1 milione di dollari in finanziamenti da LocalGlobe e hanno già venduto quasi 3.000 Virtuali-Tee.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

app, benessere, medicina, salute, tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net