ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Qatar 2022: Szczesny, 'ho perso scommessa con Messi sul rigore ma non pago, è già ricco'-Ue: Picierno, 'il3/12 a Bari con Fitto, prima tappa viaggio nel Sud'-Wartsila: Uilm, lavoratori Trieste approvano accordo, ora vigileremo su attuazione-Twitter: pace fatta fra Musk e Apple, Cook non rimuoverà il social dall'app store-Cuzzilla, 'c'è attacco al reddito fisso, è scandaloso'-Brambilla, 'numero sempre più esiguo di contribuenti paga sempre di più in tasse'-Itinerari previdenziali, welfare finanziato con fiscalità generale, onere molto gravoso-Pd: insediato Comitato costituente, al via lavori su manifesto valori e principi-De Bertoldi, 'per Rgs retroazioni fiscali valgono come coperture ma nessuno le usa'-Fisco, Gusmeroli (Lega): 'serve semplificazione ed equità nelle sanzioni'-Qatar 2022: Frappart, 'dovrò controllare le mie emozioni per arbitrare bene'-**Musica: Pinguini Tattici Nucleari, 'il gioco di squadra ci ha reso quelli che siamo'**-Itinerari previdenziali, per 79,2% italiani redditi fino a 29mila euro, pagano solo 27,57% di tutta Irpef-Itinerari previdenziali, su 13% contribuenti peso 60% Irpef-Cuzzilla (Cida), 'sempre meno lavoratori sostengono peso crescente pressione, inaccettabile'-Dc: Prodi, 'Bianco aveva visione, passione e cultura, è stato un protagonista'-Ucraina: Francia primo paese a sostenere creazione tribunale per crimini russi-**Governo: Meloni, 'Italia mosaico territori da potenzialità straordinarie'**-Mattarella: 'Transizione non è più passaggio tra epoche ma cammino costante '-Governo: Meloni, 'visione di lungo periodo per costruire Italia del dopodomani'

Earth Biogenome Project: il più grande progetto sul genoma mai realizzato

Condividi questo articolo:

Un gruppo di scienziati ha deciso di sequenziare il DNA di tutte le 1,5 milioni di specie conosciute che abitano la Terra

Si chiama Earth BioGenome Project l’incredibile piano pensato da un team internazionale di scienziati che ha deciso di proporsi un obiettivo molto imponente, ovvero sequenziare il DNA di ognuna delle specie che sappiamo esistere sulla Terra – parliamo di un numero totale pari a circa 1,5 milioni di specie. 

I ricercatori sperano che questo grande sforzo – ufficialmente il più grande progetto di sequenziamento del genoma mai intrapreso – ci aiuterà a capire e a proteggere meglio le piante, gli animali e i funghi che fanno di questo pianeta il nostro pianeta così come lo conosciamo.
Il fine del progetto, che è stato annunciato durante il World Economic Forum, viene ben spiegato sul sito di Earth BioGenome, ed è creare «una nuova base per la biologia, fornendo informazioni per una vasta gamma di importanti questioni che riguardano l’umanità, come l’impatto dei cambiamenti climatici sulla biodiversità, la conservazione delle specie e degli ecosistemi a rischio e la conservazione e il miglioramento dei servizi ecosistemici».

Finora, abbiamo sequenziato solo lo 0,2% delle specie eucariotiche presenti sulla Terra (circa 2.500), quindi la strada che ci aspetta è davvero molto lunga – ancora più lunga se contiamo che oltre alle 1,5 milioni di specie conosciute, ce ne sono 10/15 milioni che non sono state ancora scoperte.
Si stima che l’intero progetto richieda circa 10 anni e 5,7 miliardi di Euro per essere completato. Se sembrano molti, si deve sapere che sono niente rispetto a prima: oggi sequenziare una nuova specie costa «solo» 36.000 Euro, mentre per sequenziare il primo genoma umano ci sono voluti 3,3 miliardi di Euro.

Ovviamente, una volta completato il progetto, i dati saranno resi disponibili al pubblico.

Questo articolo è stato letto 23 volte.

DNA, Earth biogenome project, sequenze, specie, terra

Comments (2)

  • … [Trackback]

    […] Information on that Topic: ecoseven.net/canali/scienze/scienze-della-salute/earth-biogenome-project-il-piu-grande-progetto-sul-genoma-mai-realizzato/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net