norme comportamentali covid19 italia

Coronavirus – COVID19 tra angoscia e buon senso

Condividi questo articolo:

Norme comportamentali covid19 italia

Il Corona Virus ha oramai raggiunto tutta l’Italia. Sentimenti di angoscia devono lasciare il posto al buon senso e al saper vivere.

In Italia il Corona Virus COVID-19 è diventato il nemico pubblico numero uno e, molto probabilmente, era inevitabile se si considerano due cose, la vasta diffusione in Cina e la possibilità di contagio da persone che non presentano sintomi.

Questa situazione ha portato nella nostra vita quotidiana un misto di angoscia e buon senso che ci ha spinto a condividere alcune considerazioni con tutti i lettori di Ecoseven. La speranza è che certe riflessioni, messe nero su bianco, possano, in qualche modo, aiutare chi in questi giorni naviga tra siti e social confuso da tanta disinformazione e troppi apocalittici scenari raccontati, molto spesso, da opinionisti senza competenze specifiche.

Il Prof. Galimberti di recente ha spiegato in una video intervista la differenza che c’è tra angoscia e paura, quest’ultima deriva da un pericolo determinato e da una minaccia che si può identificare ed evitare, l’angoscia invece deriva da una mancanza di definizione della minaccia e quindi dall’impossibilità di individuare una soluzione. Il COVID19 con il suo propagarsi sviluppa senza dubbio emozioni di angoscia nei confronti delle quali, la conoscenza si conferma la cura più efficace, e non solo da un punto di vista psicologico.

Il Buon senso allora ci suggerisce di andare a leggere le informazioni sui canali scientifici e fonti ufficiali che, per la prima volta nella storia, stanno usando efficacemente i canali digitali, primo su tutti Twitter.

norme comportamentali covid19

Ministero della Salute

Il senso civico, poi, ci impone di rimanere sempre informati e di ascoltare attentamente le indicazioni ufficiali di esperti e della comunità scientifica. Certo l’espressione “distanziamento sociale” fa venire i brividi ma se serve per contrastare il contagio allora bisogna farlo per rispetto di sè stessi e delle altre persone.

Oggi più che mai è chiaro il fitto legame che intercorre tra la vita e l’economia e pensare di minimizzare il problema da un lato o dall’altro sarebbe incoscienza pura Ciò che ciascuno di noi può fare nei confronti delle proprie responsabilità lavorative è, laddove possibile, di ridurre tutte le attività che richiedono spostamenti e utilizzare meglio (poiché già ognuno di noi ha una certa pratica con le videoconferenze) gli strumenti digitali (smart working).

L’ottimismo ci porta a dire che presto passerà e fino a quel momento le nostre energie devono essere concentrate per rendere difficile ogni occasione di contagio dando così, al servizio sanitario, il tempo di fronteggiare tutti i casi.

Gestire lo stress ai tempi del il coronovirus.

Gestire lo stress durante il coronovirus.

(Redazione)

Questo articolo è stato letto 18 volte.

coronavirus, Coronavirus italia, COVID19, salute, senso civico

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net