Cancellato il programma di Google che «usava» i senzatetto

Condividi questo articolo:

Google ferma il programma che scansionava le facce delle persone che vivono per strada per addestrare un’intelligenza artificiale

È stato recentemente annunciata la chiusura del controvero programma di Google che, per l’addestramento di un’intelligenza artificiale, aveva preso di mira i senzatetto, ai quali veniva chiesto di potergli scansionare il volto, in cambio di misere carte regalo da 5 Dollari.

Dopo un’indagine interna spinta da alcune notizie sul programma, Google afferma che non invierà più società terze a raccogliere le scansioni del viso, secondo quanto riportato dal New York Daily News.Quello che farà, invece, è raccogliere scansioni di visi nei campus di Google. 

Stranamente, nonostante la frenata e il passo indietro, un portavoce di Google sta ancora difendendo il programma, visto qual era il suo obiettivo originario. Il motivo per cui questo programma era nato, infatti, era quello di acquisire scansioni del viso di persone dalla pelle scura in modo che Google potesse presentare i suoi algoritmi di riconoscimento facciale con una serie più diversificata di dati di allenamento, visto che un problema di vecchia data all’interno dell’IA aveva portato a diffusi pregiudizi algoritmici contro i neri e altre minoranze razziali.

A tal fine, un portavoce di Google ha detto al NY Daily News che il programma era «importante e necessario».

Le società che si sono occupate di fare il lavoro sul campo per Google hanno detto di essersi sentirsi spinti a raccogliere il maggior numero possibile di volti, sentendo spesso la necessità di affrettare le persone attraverso i loro moduli di consenso.

Secondo quanto riferito, alcuni sono andati nei campus universitari vestiti con abiti casual, scansionando i volti degli studenti e dicendo loro ben poco su cosa ne avrebbero fatto.

«In futuro, il lavoro verrà svolto solo sui siti di Google, al fine di garantire un migliore controllo sulla ricerca e sulle interazioni con i partecipanti», ha affermato il portavoce della società.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

google, ia, scansione viso, senzatetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net