ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ucraina: Meloni, 'continueremo a difenderla ma non scaricheremo costi su cittadini'-Qatar 2022: Lloris eguaglia il record di Thuram, 142 presenze con la nazionale francese-**Pd: la corsa di Elly parte su'Bella ciao', con lei subito sinistra dem e Franceschini**-Pd: Benifei, 'Renzi non sapeva chi fossi, ho preso 40mila preferenze e non dal Giglio magico'-Pd: Castagnetti, 'Costituente? Fermate la giostra, per favore'-**Governo: Meloni lancia 'gli appunti di Giorgia', rubrica social su lavoro esecutivo**-Pd: Paita (Iv-Az), 'Schlein rinnega quello del 40%, quello che sapeva vincere'-Slittino: Cdm, Fischnaller e Votter/Oberhofer a podio nelle sprint di Igls-Sicurezza: Meloni, 'finita Italia che fa finta non vedere illegalità'-Manovra: Meloni, 'soglia 60 euro per Pos indicativa, interlocuzione con Ue'-Biathlon: Wierer, 'settimana difficile a causa della salute ma oggi ho reagito bene'-Rdc: Meloni, 'tra prenderlo e rubare c'è opzione andare a lavorare'-Calcio: Venezia, Antonelli è il nuovo direttore sportivo-**Pd: Renzi, 'non dicano balle, Schlein, Bonaccini e altri hanno avuto un ruolo con me'**-Manovra: Meloni, 'far salire tetto al contante non favorisce evasione'-Governo: Meloni, 'difenderemo aziende strategiche italiane'-Qatar 2022: Shaquiri avvisa la Svizzera, 'CR7 non è finito, noi uno così non lo abbiamo in squadra'-Biathlon: Cdm, Wierer seconda e Vittozzi quarta nella pursuit di Kontiolahti-Pd: Renzi, 'con Schlein più a sinistra, Bonaccini capace di tenere insieme tutti'-Sanità: Renzi, 'mi piacerebbe fare con il Pd una battaglia per il Mes'

Riso integrale e sistema cognitivo

Condividi questo articolo:

Il riso integrale potrebbe ridurre le disfunzioni cognitive legate all’Alzheimer

Alcuni ricercatori in Giappone hanno scoperto che l’Oryza sativa (riso integrale) può prevenire lo sviluppo della demenza. Nello studio, pubblicato sulla BMC Complementary and Alternative Medicine, il team ha utilizzato una tecnica ad alta pressione per aumentare la digeribilità e l’assorbimento del prodotto e ha testato sui topi gli effetti.

Sebbene l’O. sativa contenga nutrienti protettivi contro lo sviluppo della demenza, il corpo normalmente non riesce a metabolizzarli. Per questo motivo, i ricercatori della Doshisha University, della Shimane University e dello Shimane Institute for Industrial Technology in Giappone hanno migliorato la digeribilità e l’assorbimento del riso integrale, senza comprometterne la composizione nutritiva, utilizzando una tecnica di pressurizzazione.

In pratica, hanno pressurizzato riso integrale a 600 megapascal (Mpa). Successivamente, l’hanno somministrato a topi con e senza demenza. Hanno valutato la memoria di lavoro dei topi usando il test Y-labirinto all’inizio del trattamento e poi una volta al mese. I topi sono stati autorizzati a muoversi liberamente nel labirinto per otto minuti.

Rispetto ai topi di controllo alimentati con grano, i topi alimentati con riso pressurizzato hanno avuto prestazioni migliori. La quantità di beta amiloide era anche minore nei topi alimentati con riso. (La produzione di beta-amiloide è la causa principale del morbo di Alzheimer.)

Questi risultati hanno indicato che l’O. sativa altamente pressurizzata ha migliorato la disfunzione cognitiva dei topi SAMP8 attraverso la riduzione della quantità di beta amiloide.
Il gruppo di trattamento ha anche esibito funzioni motorie migliori rispetto agli altri topi.

In conclusione, il miglioramento della funzione cognitiva e la riduzione dei livelli di beta-amiloide nel cervello a causa della presenza di O. fortemente pressurizzata, ha suggerito che questo alimento può prevenire l’insorgenza della malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Un altro elemento efficace nei casi di demenza? La vitamina e.

Questo articolo è stato letto 49 volte.

demenza, riso

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net