ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Manovra: Conte, 'voto su scostamento ottimo segnale, dialogo prosegua'-Coronavirus, l'indagine, 86% italiani promuove modello universalistico Ssn-Manovra: 552 sì a Camera a testo maggioranza su scostamento, no contrari (2)-Scaccabarozzi: 'Su vaccino corsa non tra aziende ma contro tempo'-Alluvione a Crotone: l'imprenditrice Turrà, "Milioni di danni al territorio, non dimenticateci"-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'in Italia mancano campioni nazionali, auspicabili aggregazioni'-"La chiamavano maternità": Racconto semiserio per mamme imperfette-A2A: accordo di cooperazione con Ardian per sviluppo idrogeno verde-Mes: M5S, 'finché saremo in maggioranza non sarà usato, no a operazioni di Palazzo'-Formazienda, 10 milioni di euro per formare risorse umane-Turismo: Lunelli (Altagamma), 'portare in Italia quello di alto livello'-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'Europa può essere protagonista, governo sostenga imprese'-Alluvione a Crotone: l'imprenditrice Turrà, "Milioni di danni al territorio, non dimenticateci"-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'e-commerce peserà per 30% vendite nel 2025'-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'in Cina grandi potenzialità per design e vino italiani'-Lusso: Lunelli (Altagamma), 'mercato -23% quest'anno, rimbalzo fino al 19% nel 2021'-Milano: Gdf scopre contrabbando liquido sigarette elettroniche-Milano: a Comune e protezione civile 95mila mascherine sequestrate da Gdf-Coronavirus: Fontana, 'trend positivo si rafforza, vicini ad allentamento misure'-Coronavirus: Boccia convoca Regioni domani alle 16

Riso integrale e sistema cognitivo

Condividi questo articolo:

Il riso integrale potrebbe ridurre le disfunzioni cognitive legate all’Alzheimer

Alcuni ricercatori in Giappone hanno scoperto che l’Oryza sativa (riso integrale) può prevenire lo sviluppo della demenza. Nello studio, pubblicato sulla BMC Complementary and Alternative Medicine, il team ha utilizzato una tecnica ad alta pressione per aumentare la digeribilità e l’assorbimento del prodotto e ha testato sui topi gli effetti.

Sebbene l’O. sativa contenga nutrienti protettivi contro lo sviluppo della demenza, il corpo normalmente non riesce a metabolizzarli. Per questo motivo, i ricercatori della Doshisha University, della Shimane University e dello Shimane Institute for Industrial Technology in Giappone hanno migliorato la digeribilità e l’assorbimento del riso integrale, senza comprometterne la composizione nutritiva, utilizzando una tecnica di pressurizzazione.

In pratica, hanno pressurizzato riso integrale a 600 megapascal (Mpa). Successivamente, l’hanno somministrato a topi con e senza demenza. Hanno valutato la memoria di lavoro dei topi usando il test Y-labirinto all’inizio del trattamento e poi una volta al mese. I topi sono stati autorizzati a muoversi liberamente nel labirinto per otto minuti.

Rispetto ai topi di controllo alimentati con grano, i topi alimentati con riso pressurizzato hanno avuto prestazioni migliori. La quantità di beta amiloide era anche minore nei topi alimentati con riso. (La produzione di beta-amiloide è la causa principale del morbo di Alzheimer.)

Questi risultati hanno indicato che l’O. sativa altamente pressurizzata ha migliorato la disfunzione cognitiva dei topi SAMP8 attraverso la riduzione della quantità di beta amiloide.
Il gruppo di trattamento ha anche esibito funzioni motorie migliori rispetto agli altri topi.

In conclusione, il miglioramento della funzione cognitiva e la riduzione dei livelli di beta-amiloide nel cervello a causa della presenza di O. fortemente pressurizzata, ha suggerito che questo alimento può prevenire l’insorgenza della malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Un altro elemento efficace nei casi di demenza? La vitamina e.

Questo articolo è stato letto 17 volte.

demenza, riso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net