pittura nascosta di Picasso

La pittura nascosta di Picasso

Condividi questo articolo:

pittura nascosta di Picasso

Gli scienziati usano l’intelligenza artificiale e la stampa 3D per scoprire la pittura nascosta di Picasso

Nonostante sia morto 48 anni fa, Pablo Picasso continua a far parlare di sé. Recentemente è scoppiato il caso riguardante la scoperta di un suo “nuovo” dipinto che gli scienziati hanno trovato sotto la superficie di un dipinto noto, usando l’intelligenza artificiale.

Oxia Palus, una società dedicata alla ricerca dell’arte perduta, ha scoperto il pezzo intitolato “The Lonesome Crouching Nude“, secondo quanto dichiarato alla CNN.

Il ritratto è stato dipinto da Picasso quando ha creato “Il pasto del cieco” nel 1903 – dipingere su una tela già usata era una pratica comune all’epoca per risparmiare denaro e, in quel periodo, Picasso era abbastanza povero da doverlo fare.

Per scoprire il dipinto, gli scienziati hanno prima utilizzato l’imaging a raggi X, grazie al quale hanno trovato il contorno del ritratto.

Quindi hanno usato l’intelligenza artificiale addestrata per aggiungere pennellate in stile Picasso e riempire l’immagine. Infine, hanno creato la trama del dipinto utilizzando una heightmap prima di stamparla in 3D su una tela. Il risultato che ne è venuto fuori è stato un ritratto di nudo del famoso periodo blu di Picasso.

Ovviamente, a parte l’incredibile scoperta in sé, la scoperta ha generato anche una questione etica: la tecnologia, infatti, anche se può creare un facsimile simile credibile e interessante di un’opera, mette le mani in qualcosa che gli artisti morti avrebbero potuto non voler vedere esposta e soprattutto non hanno creato.

È giusto provare a riportare in luce una specie di facsimile dell’arte “perduta” di un artista anche contro la sua volontà?

Ty Murphy, esperto di Picasso presso la Domos Art Advisors, ha detto a CNN che è vero che il dipinto prodotto dall’intelligenza artificiale sembra un Picasso, ma sotto un attento esame un esperto sarebbe probabilmente in grado di riconoscere che non è un originale. Poi però ha anche aggiunto che “la storia ci ha mostrato che le persone emuleranno sempre il lavoro di altri artisti“, questa è solo un’altra “esplorazione della mente di Picasso“.

A differenza sua, molti altri studiosi hanno criticato aspramente l’operazione.

Questo articolo è stato letto 14 volte.

imaging, nuovo dipinto di picasso, periodo blu, picasso, pittura nascosta di picasso

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net