ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"

Giovani, adulti e ipertensione

Condividi questo articolo:

Secondo un nuovo studio, sono molti i pazienti affetti da pressione alta che evitano i farmaci

L’ipertensione è una malattia molto seria, eppure, secondo un nuovo studio uscito di recente sulla rivista Hypertension, oltre la metà dei pazienti relativamente «più giovani» – ovvero quelli di età inferiore ai 65 anni – a cui sono prescritti farmaci per la pressione alta o smettono di prenderli entro pochi mesi o non li prendono come prescritto.

L’interruzione del trattamento per l’ipertensione può rivelarsi una scelta molto pericolosa, soprattutto per i più giovani. Il flusso sanguigno, infatti, è qualcosa che succede fisicamente e, ogni volta che il cuore pompa, i vasi vengono colpiti da ondate di sangue; se si pensa che, per chi si ammala di questa patologia da giovane, lo stress di esposizione dura per più di 10, 20 anni, ci si rende conto di quanti danni la pressione sanguigna alta provochi al sistema vascolare.

Nello studio, il team guidato dal professore della Temple University di Philadelphia, Gabriel Tajeu, ha monitorato il tasso di rinnovamento delle prescrizioni per i farmaci per la pressione sanguigna rilasciate a oltre 370.000 pazienti di età inferiore ai 65 anni – tutti avevano un’assicurazione privata, informazione molto importante negli Stati Uniti, perché elimina la possibilità che sia per mancanza di soldi che si rinuncia ai farmaci.
I ricercatori hanno scoperto che il 23,5% dei pazienti ha smesso di assumere i farmaci entro i primi nove mesi dalla diagnosi, e che, tra quelli che hanno continuato a usarli, il 40% ha fatto la cura in maniera impropria, prendendo la quantità prescritta meno dell’80% delle volte. Complessivamente, oltre la metà (54%) dei pazienti non ha assunto i farmaci come prescritto o ha smesso di usarli.

Questi numeri molto importanti segnalano il fatto che, essendo l’ipertensione una malattia asintomatica e silenziosa, tende ad essere presa molto sottogamba, ma questo è un atteggiamento rischioso visto che, quando non è trattata, questa malattia porta a infarti e ictus.

 

Questo articolo è stato letto 52 volte.

farmaci per la pressione, ictus, infarto, interruzione trattamento, ipertensione, rischio, salute e benessere, trattamento farmacologico

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net