ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"-Lavoro, Fly future 2024: "Compagnie aeree e aziende aerospaziali cercano migliaia di giovani"-Professioni: Consiglio Periti industriali ottiene certificato per parità di genere-Parchi divertimento: Ira (Leolandia): "L'esperienza è il valore centrale, più occupati con estensione stagione"-All'Università Lum arriva la Scuola di Alta formazione in turismo digitale-Syngenta Italia, nuovo video istituzionale sulla storia di innovazione al fianco degli agricoltori italiani-Lavoro, Gruppo Sae e Sardegna: al via recruiting sulla comunicazione digitale-Turismo, Bianchi Degl’Innocenti (FH55 Hotels): "Per donne imprenditrici sfida sia opportunità"-Digitale, Ambrosetti: "Settore richiede nuove tecnologie e materiali sostenibili"-De Lise (Aiecc): "Allarme costi materie prime, rischi per fatturati e bilanci delle imprese"-Milleproroghe: Cifa Italia, positivo emendamento proroga regime Iva Terzo settore
esopianeti diamanti

Forse esistono mondi tutti fatti di diamanti

Condividi questo articolo:

esopianeti diamanti

A quanto dicono i ricercatori, potrebbero esserci pianeti composti soltanto da diamanti e silice

In alcune giuste circostanze, determinati esopianeti ricchi di carbonio potrebbero essere interamente fatti da diamanti e silice, secondo un nuovo studio pubblicato di recente su The Planetary Science Journal.

“Questi esopianeti sono diversi da qualsiasi cosa nel nostro sistema solare”, ha detto in una dichiarazione l’autore principale e geofisico Harrison Allen-Sutter dell’Arizona State University.

La maggior parte delle stelle si forma dalla stessa nuvola di gas, il che significa che finiscono per essere costituite principalmente dalla medesima sostanza.

Le stelle con meno carbonio – ovvero quelle che hanno un rapporto carbonio-ossigeno inferiore rispetto al Sole – tendono ad assomigliare alla composizione della Terra e finiranno per essere costituite principalmente da ossidi e silicati – i diamanti, infatti, sono rari sulla Terra: il nostro pianeta è fatto solo di circa lo 0,0001% di diamanti.

Ci sono però anche altre stelle che sono fatte di livelli di carbonio significativamente più alti del Sole e sono quelle che possono finire per convertire una parte significativa della loro massa in diamante e silicato, a quanto raccontato da questa nuova ricerca – ovviamente se c’è abbastanza acqua intorno, una risorsa relativamente abbondante nell’universo.

Per rafforzare l’ipotesi, i ricercatori hanno immerso il carburo di silicio in acqua e l’hanno compresso a livelli di pressione estremamente elevati.

Un laser ha riscaldato la massa mentre una macchina a raggi X effettuava le misurazioni. Il risultato è stato che il carburo di silicio ha reagito con l’acqua e si è trasformato in silice e diamanti.

In altre parole, il nucleo degli esopianeti ricchi di carbonio potrebbe essere composto principalmente da silice e diamanti, date determinate temperature e livelli di pressione.

Silice, diamante e nessuna vita: questi pianeti, infatti, potrebbero avere un’atmosfera essere troppo inerte per essere abitabili.

“Indipendentemente dall’abitabilità, questo è un passo in più per aiutarci a comprendere e caratterizzare le nostre osservazioni in continuo aumento e miglioramento degli esopianeti”, ha affermato Allen-Sutter.

 

Questo articolo è stato letto 70 volte.

carbonio, diamanti, esopianeti, silice

Comments (10)

I commenti sono chiusi.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net