ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Blinken striglia Israele: "Bilancio dei morti a Gaza è inaccettabile"-Mbappé nuovo numero 9 del Real Madrid: "Un sogno, darò la vita per il club"-Ue, chi è Roberta Metsola: la maltese di Finlandia che piace a destra e a sinistra-Roma, tenta di fermare lite tra coinquilini: uno gli stacca un dito con un morso-Dai calcoli renali alla scarsa sicurezza, ecco le fake sull'acqua del rubinetto-Euro 2024 e la foto-omaggio dei principi di Galles con Charlotte e Louis incollati alla tv-L'Etna si placa, oggi tregua dopo la fontana di lava dal cratere Voragine-Gareth Southgate non è più ct dell'Inghilterra-Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento Ue: "Non dobbiamo avere paura"-Kate, abito viola a Wimbledon "segno di speranza ma anche di potere"-Ascolti tv, a 'Battiti Live' su Canale 5 il prime time di lunedì 15 luglio-La foto del proiettile di Trump? Ferdinando Mezzelani: "Un'autentica barzelletta"-Parigi 2024, Dai biglietti ai concorsi falsi sui social media, come evitare le cyber truffe-Tour de France, oggi 16esima tappa per velocisti, percorso e orario tv-Gaza, per la Cia il leader di Hamas si nasconde nei tunnel di Khan Younis-Napoli, inaugurata stazione San Pasquale della linea 6 della metropolitana realizzata da Webuild-Roma, rapinata vedova di Chris Cornell: pugno nello stomaco, poi via con Rolex da 50mila euro-Venezia, appalti e corruzione: arrestato assessore comunale Boraso-Webuild, Pietro Salini: "Nuovo ponte Baltimora sia simbolo di sicurezza e orgoglio"-Attentato Trump, 86 secondi prima degli spari: così Thomas Crooks ha agito indisturbato

Un nuovo pianeta scoperto dalla NASA

Condividi questo articolo:

Grazie al sistema di intelligenza artificiale di Google, la NASA ha trovato l’ottavo pianeta del sistema solare Kepler 90

La NASA ha annunciato che il suo telescopio Kepler, con l’aiuto del sistema di intelligenza artificiale (IA) di Google, ha scoperto l’ottavo pianeta in un lontano sistema planetario. La scoperta pionieristica conferma che la IA può aiutare gli astronomi nell’identificazione di modelli nello spazio che potrebbero essere troppo impegnativi per gli umani.

Il Kepler Space Telescope è stato lanciato nel 2009 e da allora ha scoperto 2.337 esopianeti, molti dei quali potrebbero essere candidati ad ospitare la vita. La scoperta più eccitante, realizzata nel 2015, è stata quella di Kepler-425b, il primo pianeta di dimensioni terrestri ad essere stato scoperto in una zona abitabile attorno a una stella.

Basandosi sulle ricerche umana, la NASA ha utilizzato la rete neurale di Google – una sorta di intelligenza artificiale – per fare la scoperta: in sostanza, al sistema è stato insegnato a distinguere tra modelli simili ma diversi, espandendo la sua capacità e l’apprendimento nel tempo. Ora, l’intelligenza artificiale ha imparato abbastanza da poter identificare sottili differenze nello spazio che gli permettono di rilevare anche i segnali più deboli, quelli che gli umani non sono in grado di riscontrare. Ciò ha portato alla scoperta del pianeta Kepler 90I, che i ricercatori non avevano notato pur avendo fatto ricerche in quell’area – la NASA ha detto che i ricercatori sarebbero comunque arrivati a identificare il pianeta, ma che l’IA ha reso quel processo molto più rapido ed efficiente.

90I è un piccolo pianeta probabilmente roccioso nascosto nel mezzo del sistema solare Kepler 90. La sua atmosfera dovrebbe essere molto sottile e 90I non pare molto ospitale per la vita.
Anche se il sistema solare Kepler 90 sembra essere simile in molti modi al nostro, ci sono anche alcune differenze sostanziali: per esempio, i pianeti si raggruppano vicino al sole, piuttosto che essere sparsi. Siccome è possibile che questo sistema solare abbia ancora pianeti che non abbiamo identificato, aspettiamo: magari presto arriverà il nono.

Questo articolo è stato letto 34 volte.

esopianeti, Kepler 90, Nasa, pianeta, sistema solare, Telescopio Kepler, universo

Comments (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net