Ecoinvenzioni: la toilette ad energia solare che produce concime verde

Condividi questo articolo:

La toilette solare CU-Boulder e’ l’interessante soluzione proposta per evitare lo spreco d’acqua, promuovere la sostenibilita’ ambientale e migliorare le condizioni igieniche dei Paesi in via di sviluppo

La toilette ad energia solare che produce concime verde è l’interessante soluzione proposta per evitare lo spreco di acqua dello sciacquone, promuovere la sostenibilità ambientale e migliorare le condizioni igienico-sanitarie dei Paesi in via di sviluppo. Si tratta, in pratica, di uno speciale wc solare totalmente privo di scarico dell’acqua, che ha la capacità di trasformare i rifiuti organici prodotti dall’uomo in ‘biochar’, un carbone di alta qualità utilizzato per creare concimi verdi ed assorbire anidride carbonica. Il ‘biochar’ in particolare, ha una buona capacità di trattenere l’acqua e può essere utilizzato nelle aziende agricole per trattenere i nutrienti e portare più stabilità ai terreni di coltivazione.

L’innovativa toilette ad energia solare, rientra in quel progetto che la fondazione di Bill Gates (la ‘Bill & Melinda Gates Foundation’) aveva già promosso negli anni passati per migliorare le condizioni di vita dei Paesi poveri e che però non era mai stato realizzato fino a questo momento.

La nuova toilette ad energia solare, denominata ‘CU-Boulder’ e sviluppata dall’Università del Colorado, migliora ed implementa quindi quell’idea di base proposta dalla ‘Gates Foundation’: una comune tazza del water con un foro collegato ad uno speciale contenitore che, una volta riempito e spostato in un volume sottostante detto ‘cantina’, utilizza un sistema costituito da 8 specchi parabolici, impiegati per la concentrazione della luce solare su un’area piccolissima, posta come una sorta di ‘lente’ sopra il recipiente destinato al processo di compostaggio dei rifiuti organici prodotti dall’uomo. Questa lente, nello specifico, sfrutta le peculiarità di un vetro in quarzo con la connessione di numerose fibre ottiche, grazie al quale è stato possibile amplificare l’energia solare aumentando la temperatura fino a 600 gradi Fahrenheit per sterilizzare gli scarti organici dell’uomo, eliminare ogni forma ‘patogena’ dai rifiuti solidi e liquidi e produrre concime verde accelerando il processo di compostaggio. Durante tutta la durata del processo ovviamente, non viene generato alcun cattivo odore, visto che i batteri anaerobici, responsabili della sua formazione, si formano soltanto quando gli scarti organici entrano a contatto con l’acqua.

La toilette solare ‘CU-Boulder’, può essere installata pressoché ovunque senza la necessità di tubi di scarico, dato che è in grado di funzionare perfettamente in assenza di acqua, e può aiutare a ridurre le infezioni e l’inquinamento in quelle zone del mondo totalmente prive di strutture igieniche. Il progetto nasce nell’ambito del ‘Reinvent The Toilet Challenge’, (iniziativa portata avanti dalla ‘Gates Foundation’) per rendere i sanitari più ecologici, e disponibili anche in quei Paesi dove le risorse idriche scarseggiano. Per ora, il water ultra-tecnologico verrà sperimentato in India, in quelle zone a basso approvvigionamento di acqua potabile e a scarsa disponibilità di servizi igienici.

(Matteo Ludovisi)

Questo articolo è stato letto 8 volte.

acqua, concime, energia, rifiuti, solare, toilette, toilette solare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net