Ecoinvenzioni: il tavolo di cartone riciclato con il Led incorporato

Condividi questo articolo:

Il tavolo di cartone Tappo e’ stato realizzato utilizzando esclusivamente materiale riciclato e biodegradabile ed una sorgente luminosa ad alto risparmio energetico

Il tavolo di cartone riciclato che si illumina con il LED è la nuova eco invenzione proposta dallo studio di design Giorgio Caporaso, ideale per l’arredamento green di un terrazzo, un giardino o gli ambienti interni di una casa.

Il tavolo ecosostenibile Tappo è stato interamente progettato utilizzando del materiale biodegradabile a basso impatto ambientale come il cartone alveolare riciclato e riciclabile, disponibile anche nelle versioni in legno certificato Fsc o in bambù. Un’altra novità del tavolo, riguarda invece l’utilizzo di una sorgente luminosa al LED incorporata nella parte centrale della superficie di appoggio, che può garantire notevoli risparmi  energetici sull’illuminazione di casa. 

Il tavolo di cartone dello studio Caporaso, proprio grazie a quest’ultimo espediente, si può quindi trasformare in una lampada ad alto risparmio energetico, dove la parte superiore, satinata o semitrasparente in varie colorazioni e le varie tonalità di luce disponibile, possono donare differenti effetti cromatici a seconda del tipo di ripiano e di LED e che si decide di scegliere.

Il tavolo di cartone al Led, grazie al suo design innovativo, è un prodotto accattivante e attualmente disponibile sul mercato, che si adatta perfettamente alle esigenze di chi cerca per la propria casa, un’idea di arredo ecosostenibile, versatile e personalizzabile a seconda delle proprie esigenze.

Questo articolo è stato letto 7 volte.

ecoinvenzioni, tavolo, tavolo cartone, tavolo ecologico, tavolo on luce Led

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net