Ecoinvenzioni. Il tavolo che produce energia con il muschio

Condividi questo articolo:

Il tavolo di muschio Moss Table può produrre energia sfruttando la capacità  del muschio di assimilare la luce del sole per effettuare il processo di fotosintesi clorofilliana

Il tavolo che produce energia con il muschio è la nuova proposta di arredamento green per la casa che combina in un’unica soluzione le possibilità offerte dal bio – fotovoltaico con l’estetica innovativa del design ecologico. E’ proprio l’uso della tecnologia bio – fotovoltaica (BPV) che permette infatti di utilizzare il muschio come “vettore naturale” per la produzione di energia elettrica.

Il tavolo di muschio Moss Table, ancora nella fase iniziale di sviluppo progettuale, sfrutterà quindi la capacità della pianta di assimilare la radiazione solare per effettuare il processo di fotosintesi clorofilliana, trasformando l’energia chimica assorbita dalla luce, in energia elettrica utilizzabile per alimentare i dispositivi elettronici posti a contatto con una serie di dispositivi di conversione e generazione elettrica BPV. Si tratta, in pratica, di un tavolo costituito da muschio, che viene separato da un ripiano di “appoggio” in vetro, a cui vengono installate delle prese esterne di alimentazione bio – fotovoltaiche collegate direttamente alla pianta. Intanto, il primo prototipo creato, (presentato in occasione dell’ultimo Fuorisalone di Milano “Design Week”), è in grado di produrre energia sufficiente per alimentare una lampada da tavolo anche se non si esclude che, in futuro, il Moss Table sarà in grado di generare abbastanza elettricità da garantire l’autonomia di un cellulare o di un computer per almeno 14 ore.

(ml)

Questo articolo è stato letto 6 volte.

energia, energia pulita, tavolo, tavolo energia, Tavolo muschio energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net