ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Rugby: Italdonne, Rigoni inserita nel dream team mondiale 2021-Calcio: focolaio covid al Tottenham, Conte 'siamo un po' spaventati'-Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)

Abbigliamento fatto con le tende da campeggio

Condividi questo articolo:

P+365 trasforma le tende abbandonate alla fine dei festival in articoli indossabili

Il progetto P+365 di Tuo Lei si occupa di recuperare le tende che vengono abbandonate nei campeggi dopo i festival musicali e riproporre questo materiale dopo averlo trasformato in streetwear per essere venduto l’anno successivo allo stesso evento da cui lo aveva preso.

Da questo viene il numero «365» nel nome del marchio, dal ciclo annuale: passano 365 giorno dal recupero alla nuova proposta.

L’idea è quella di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema ambientale, dando intanto un nuovo uso alle tende che altrimenti finirebbero tra i rifiuti. In questo modo, inoltre, per i consumatori, gli abiti e gli accessori sostenibili creati con i loro rifiuti sono interessanti souvenir dell’evento passato, sia pratici che sentimentali.

Ogni collezione include borse, un impermeabile poncho, un berretto e un cappello da pescatore, tutti realizzati con materiali durevoli e resistenti agli agenti atmosferici, proprio perché riciclati dalle tende abbandonate. Gli indumenti sono progettati specificamente per i tipi di condizioni meteo che si possono attendere durante un festival: pioggia, vento e caldo.

Il designer riceve le tende usate da organizzazioni di volontari che le raccolgono e recluta altri volontari (dai social media) per farsi aiutare con il cucito e l’assemblaggio dell’abbigliamento, nonché con la raccolta di tende aggiuntive. Insieme agli abiti, le collezioni P + 365 includono anche degli opuscoli fai-da-te con illustrazioni passo-passo su come realizzare ogni articolo.

Per rendere i pezzi più collezionabili, le etichette dei capi includono informazioni sul nome del festival, le caratteristiche dei materiali e la storia del design dietro il marchio.

Quello che P+365 spera è di poter collaborare con festival specifici che hanno un alto numero di tende abbandonate, al fine di vendere direttamente ai frequentatori del festival. «L’articolo ricorda direttamente all’utente il suo passato, offrendo anche alle persone che hanno creato il problema un modo per investire nella sua soluzione», ha detto Tuo Lei a Deezen.

 

Questo articolo è stato letto 43 volte.

festival, tende da campeggio, trasformate, trasfromate, vestiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net