ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili (2)-Fase 3: rapporto task force Colao nel weekend consegnato a Conte-Randstad, formati in 1.500 rimasti disoccupati durante emergenza-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali'-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali' (2)-**Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili**-Governo: sondaggio Ipsos, alta fiducia in Conte e nel governo, Lega primo partito-L’innovazione applicata a informazione ed educazione: Andrea Scanzi e Paolo Crepet ospiti sul Mainstage del WMF online nella giornata inaugurale-Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia (2)-Fase 3: ecco lettera Conte-Sanchez a Ue, criteri a frontiere uguali per tutti-Fase 3: Conte, 'su confini Ue criteri condivisi per ritorno normalità'-Aids, diagnosi precoce e qualità della vita: a caccia di sviluppatori per soluzioni innovative-Bombardier: taglierà 2.500 posti di lavoro, pesa emergenza Covid-**Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia**-Varese: spintoni e sberle all'asilo, 5 maestre indagate a Busto Arsizio-**Governo: Conte concentrato su ripresa, mai pensato a suppletive Senato**-Coronavirus: Gori, 'gesto di affetto presenza Mattarella a Bergamo il 28 giugno'-Coronavirus: Mattarella il 28 giugno a Bergamo per commemorazione vittime-Al via giovedì Forum della Comunicazione, asset anti-Covid-Coop, marzo-aprile +5% vendite ma ipermercati - 11%

Maxi sequestro di rifiuti speciali e pericolosi

Condividi questo articolo:

Sono state sequestrate ben 250 tonnellate di rifiuti pericolosi. Anche lastre in fibra d’amianto e tubi al neon fluorescenti

 

Maxi operazione  un’operazione contro i reati di inquinamento ambientale della Guardia di Finanza di Torino. Nei giorni scorsi sono state sequestrate ben 250 tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi. Tra i rifiuti sequestrati sono tate rinvenute, tra l’altro, lastre in fibra d’amianto, tubi al neon fluorescenti, materiale isolante e plastico altamente infiammabile e circa 6.000 kg di prodotti chimici da decontaminare e oli esausti.

A conclusione dell’operazione, sono stati avviati interventi di messa in sicurezza e ulteriori verifiche per l’eventuale contaminazione ambientale causata dallo sversamento dei prodotti.

 

‘Al momento, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria i due amministratori di una società per deposito incontrollato di rifiuti. L’ intera operazione, durata sei mesi, ha consentito di bonificare, in poche settimane, 8 aree, già oggetto di attività di controllo e che erano state adibite a stoccaggio illecito di rifiuti anche pericolosi per una quantità superiore a 1.000 tonnellate. – si legge su Ansa – Le aree, tutte le Torinese, nei comuni di San Gillio, Givoletto, Candiolo e Torino. Le spese di bonifica , oltre 100.000 euro, sono stata addebitate ai responsabili denunciati all’Autorità Giudiziaria. L’intervento della Finanzaha consentito inoltre di contestare e recuperare imposte locali per oltre 15.000 euro relative al mancato pagamento di Imu e Ici’.

gc

Questo articolo è stato letto 3 volte.

ambiente, Guardia di finanza, reati ambientali, rifiuti, rifiuti speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net