ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ismea, comparto vitivinicolo vale un terzo del mercato assicurativo agricolo agevolato-Schlein: "Campo largo non è morto. Conte? Avversario è il governo, spero non interessi solo me"-Sydney, nuovo attacco con coltello: vescovo ferito in chiesa-Iran e l'attacco simbolico contro Israele: vittime ridotte al minimo e spettacolo massimo-Iran, attacco a Israele è flop tecnico: metà dei missili fa cilecca-Ndicka, le cause del malore: ipotesi trauma toracico-Amadeus lascia la Rai, non rinnoverà il suo contratto-Udinese-Roma sospesa, le ipotesi per il recupero della sfida-E' morto Mattia Giani, calciatore del Castelfiorentino colpito da malore in campo-Editoria, Adnkronos lancia campagna istituzionale del suo sito web-Milano, di proprietà della 'Ndrangheta i locali della movida: 14 arresti per infiltrazione mafiosa-Made in Italy, Acampora: "Prezioso il lavoro di Urso per riportare al centro l'orgoglio nazionale"-EY Italia, Stefania Boschetti è la nuova Ceo-Ucraina, Kiev: "Zaporizhzhia colpita 400 volte in 24 ore". Attacco Russia nel Donetsk: 4 morti-Samsung strappa ad Apple il primo posto nelle vendite di smartphone-Fiorello: "Amadeus ospite ultima puntata VivaRai2, forse ultima cosa in Rai"-Rifiuti, Iacono (ad Hera): "Ne recuperiamo oltre 7 milioni di tonnellate"-Sostenibilità, Ramonda (ad Herambiente): "Investiamo sulla rigenerazione delle risorse"-Attacco Iran a Israele, Macron: "Francia ha intercettato droni su richiesta Giordania"-Cinema, Delli Colli: "I Premi aiutano, può essere un modo per fare tornare un film nelle sale"

E se le cannucce di plastica fossero tassate?

Condividi questo articolo:

Così come si combatte contro le buste di plastica, si dovrebbe combattere anche contro le cannucce

Sembrano piccole e innocue ma, a pensarle tutte insieme, si capisce come le cannucce di plastica concorrano a creare una problematica ambientale al pari di molte altre componenti usa&getta. Anzi forse di più. A dirlo sono proprio le imprese di riciclaggio e smaltimento rifiuti che si sono espresse su questo tema, dichiarandolo grave, perché le cannucce sono praticamente impossibili da riciclare.

Questo vuol dire che tutte le cannucce che usiamo – e sono veramente tante se proviamo a renderci conto dell’uso smodato che se ne fa e ce le immaginiamo tutte ammassate, gettate via da ogni bar di ogni quartiere di ogni città italiana, europea, del mondo – vanno in discarica, persistendo per decenni, probabilmente per secoli, senza biodegradazione.

La proposta di una tassa sulle cannucce non è italiana, è stata lanciata da una società britannica che si chiama Business Waste che suggerisce che la gente inizi a trattare le cannucce allo stesso modo dei sacchetti di plastica monouso: a tal fine, la società chiede una tassa di 5 pence per scoraggiarne l’uso, sostenendo che, a fronte di un oggetto il cui tempo di utilizzo nel migliore dei casi è di 20 minuti, non dobbiamo impegnarci a trovare soluzioni alternative, dobbiamo solo cambiare il nostro modo di pensare. Non ci serve veramente una cannuccia per sorseggiare un drink!

Sono necessarie campagne di sensibilizzazione pubblica perché le persone si rendano veramente conto del problema: la tassa è un suggerimento intelligente, dal momento che nulla ispira un cambiamento comportamentale più del denaro e, inoltre, una mossa del genere, solleverebbe questioni, dibattiti e conversazioni che costringerebbero le persone a pensare a qualcosa che è troppo comune e normale da notare.

Questo articolo è stato letto 43 volte.

Cannucce, Cannuccia, plastica, riciclo

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net