Differenziare i rifiuti anche in carcere

Condividi questo articolo:

L’azienda Garby installa un eco compattatore nella Casa Circondariale di Carinola per sensibilizzare i detenuti sull’importanza della raccolta differenziata

La raccolta differenziata arriva in carcere. Grazie all’intesa stipulata fra la Casa Circondariale di Carinola, in provincia di Caserta e l’azienda Garby verrà installato all’interno del carcere un eco point con lo scopo di sensibilizzare anche i detenuti all’importanza del riciclo per la tutela dell’ambiente. L’azienda darà in comodato d’uso gratuito un raccoglitore automatico per rifiuti riciclabili in grado di comprimere il volume dei materiali conferiti fino all’80%.

“Utilizzare questi sistemi – fa sapere l’azienda – è un modo innovativo per parlare di ecologia anche in strutture penitenziarie”. L’intenzione infatti è di non fermarsi a Carinola, ma estendere il progetto anche ad altre strutture penitenziarie. “La Garby introduce il nobile gesto della raccolta differenziata – spiega Vincenzo Sparaco, amministratore delegato del Gruppo Garby che si è occupato della convenzione – attraverso l’utilizzo dell’innovazione tecnologica data dagli eco-compattatori, anche alle strutture penitenziare, tra le quali la Casa Circondariale di Carinola. Garby propone questo progetto pilota per accrescere la sensibilità ecologica della popolazione detenuta, ma non solo, in quanto sarà coinvolto anche tutto il personale della struttura”.

L’azienda non è nuova ad iniziative di questo genere. Ha riscosso per esempio molto successo un’altra iniziativa che prevede l’installazione degli eco raccoglitori in alcuni supermercati della provincia di Bari. Chi ricicla ottiene un buono sconto sulle spesa. Il meccanismo è facile: basta introdurre il materiale nelle apposite bocche, schiacciare un bottone al termine e ritirare lo scontrino da consegnare alla cassa. Per ogni conferimento è previsto uno sconto. Nei box è possibile depositare bottiglie, tappi, contenitori di plastica o di alluminio che verranno avviati al riciclo riducendo così, l’immissione di CO2 nell’aria e il consumo di carburante. I primi ecopoint sono stati inaugurati lunedì 6 ottobre nei Supermercati Csettepiù7 di Putignano, Polignano e Fasano.

AS

Questo articolo è stato letto 14 volte.

carcere, differenziata, raccolta, raccolta differenziata, rifiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net