Tagliare le corde vocali ai cani? Negli Stati Uniti la legge lo consente. Firmiamo perché da noi non accada mai

Condividi questo articolo:

Perché accanirsi su dei cani privi di colpe e mutilarli così barbaramente?

Un giudice dell’Oregon ha imposto che due mastini tibetani venissero sottoposti al “debarking” in seguito alle numerose lamentele da parte dei vicini di casa per l’incessante abbaiare dei cani.

Si tratta di un intervento chirurgico che consiste nell’asportare le corde vocali del cane. In questo modo i loro guaiti si riducono a poco più che bisbigli. I proprietari dei cani erano già stati multati per il comportamento dei cani, ma questo non ha fermato il giudice dal punire più severamente i cani che i padroni.

In Italia e in Europa il debarking è vietato, ma gli utenti di Firmiamo.it hanno lanciato una raccolta firme per impedire che questa pratica sia normalizzata ed eventualmente prenda piede anche in Europa!

La petizione ha già raccolto più di 500 firme e chiede inoltre l’intervento dell’OIPA, l’Organizzazione internazionale protezione animali contro la pessima decisione del giudice americano: la sentenza segna infatti un gravissimo precedente che altri legislatori in America o nel resto del mondo potrebbero seguire.

 

Questo articolo è stato letto 36 volte.

cane, corde vocali, Debarking

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net