ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Berruto (Pd): "Sport in Costituzione entro il 2023 se cambiamo l'articolo 9"-Automobilismo: ecco L’Italia della 1000 Miglia, il progetto che racconta le eccellenze italiane-Automobilismo: ecco L’Italia della 1000 Miglia, il progetto che racconta le eccellenze italiane (2)-Sport: Berruto (Pd), 'vada in art. 9 Costituzione con l'ambiente, si può fare entro il 2023'-Tennis: Guy Forget si dimette da direttore del Roland Garros-Lgbt: Regimenti (Fi), 'non si chiede tolleranza offendendo religione'-Vuole vaccino, padre è contrario: giudice dice sì alla ragazza-Centrosinistra: Bellanova, 'da Conte falsità, Iv nel campo riformista, il trasformista è lui'-Manovra: Legnini, 'proroga bonus 110% in zone a rischio sismico è imperativo'-Manovra: Tajani, 'sciopero danno per ripresa, Cgil e Uil ci ripensino'-Manovra: Borghi (Pd), 'sciopero eccessivo, noi lavoriamo per il dialogo'-Letteratura ambientale, al via la II edizione del premio Demetra-Elezioni: Conte, 'Calenda? Ho girato Italia in lungo e in largo, mai sentito nominare'-Egitto: D'Incà, 'scarcerazione Zaki primo passo, si chiuda presto vicenda'-Egitto: Conte, 'scarcerazione Zaki primo passo, ora completa assoluzione'-Egitto: Malpezzi (Pd), 'un primo passo per Zaki'-Covid, Gsk-Vir: "Monoclonale sotrovimab attivo anche contro variante Omicron"-Egitto: Letta, 'per Zaki uno spiraglio, la luce finalmente'-Calcio: Lewandowski, 'ci sono rimasto male per il pallone d'oro'-Superbonus, Fondazione Inarcassa: "Decreto antifrode no allo stop del settore"

Sessant’anni dall’alluvione che colpì la Costiera Amalfitana e Salerno

Condividi questo articolo:

Sessanta anni fa l’alluvione che colpì la Costiera Amalfitana e Salerno: dopo il Vajont è la più grande tragedia italiana per dissesto idrogeologico con 318 vittime e 5000 sfollati

Si ricorda oggi, 25 ottobre, l’alluvione che colpì la Costiera Amalfitana e Salerno: dopo il Vajont è la più grande tragedia italiana per dissesto idrogeologico con 318 vittime e 5000 sfollati. ‘Abbiamo poca memoria storica . Oggi in Italia a distanza di 60 anni non c’è ancora una legge che consenta di avere interventi strutturali efficaci sul fronte prevenzione . Dobbiamo fare di tutto per avere leggi stringenti e per diffondere la cultura geologica nel Paese affinché la gente possa avere maggiore coscienza dei rischi naturali’, denuncia Francesco Peduto, Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania, intrattenendosi con la stampa a margine della conferenza: ‘Salerno 1954 : l’alluvione dimenticata tra memoria , scienza e stato della prevenzione’, a 60 anni dalla più grande tragedia italiana dopo il Vajont .

La sera del 25 Ottobre del 1954 un’ alluvione colpì Vietri sul Mare , Cava dei Tirreni, Salerno, Maiori , Minori, Tramonti, le vittime furono 318 , i feriti 250 , gli sfollati 5000. Le devastazioni furono immense con frane , voragini , ponti crollati, strade e ferrovie distrutte in più punti , la zona più colpita fu quella della costiera amalfitana , fino alla città di Salerno .
 
‘Oggi a distanza di 60 anni in tante aree permangono elementi di rischio tanto è –ha proseguito Peduto- che sulle mappe dell’autorità di bacino competente, sono riportate come zone rosse a rischio R 4 molto elevato’: è questo l’appello importante che arriva dall’assessore alla Protezione Civile della Regione Campania , Edoardo Cosenza. ‘Non vengano cancellate le competenze delle Autorità di Bacino – ha dichiarato Cosenza – che ci sia il coordinamento nei distretti ma non cancelliamo le competenze delle Autorità di Bacino’. Cosenza ha rilanciato anche sulla pericolosità del rischio idrogeologico in determinate aree . ‘Quando il mare è ancora caldo – ha affermato Cosenza – possono accadere eventi tipo Genova’. Qualche notizia importante c’è.

‘Il 25 Ottobre del 1954 l’alluvione di Salerno con 318 vittime, il 25 Ottobre del 2011 ancora alluvione e questa volta in Liguria e Toscana con 13 vittime . Oggi le dichiarazioni di Erasmo D’Angelis , Coordinatore dell’Unità di Missione Italiasicura istituita dal Governo e del Ministro Galletti – ha affermato Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi – con le quali sono stati annunciati 4000 interventi per la prevenzione nei prossimi 6 anni con circa 5 MLD di euro di investimenti con fondi europei e 200.000 nuovi posti di lavoro , ci convincono che stiamo operando nella direzione giusta’.

GC

Questo articolo è stato letto 13 volte.

alluvione, alluvione Salerno, Costiera Amalfitana, dissesto idrogeologico, Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net