ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Perché ci affezioniamo ai personaggi del cinema e della letteratura?

Condividi questo articolo:

Ecco perché succede di sentirsi legati a un personaggio della TV, al protagonista di una serie o di un libro

A volte ci sembra di aver preso il treno con Harry Potter, ci ricordiamo così distintamente il binario 9 e ¾ da credere veramente di esserci stati. E poi abbiamo pianto la morte di Derek Shepard come se quel lutto avesse toccato la nostra migliore amica: ovvio, Meredith è una di famiglia. E Anna Karenina quante ce ne ha fatte passare? Non ne parliamo proprio, ecco.

Insomma, succede che i personaggi di fantasia diventino così importanti nel nostro immaginario da trasformarsi in pietre di paragone nella nostra vita reale, in compagni di avventure, amici che conosciamo profondamente. Ma la domanda è: com’è che succede?

Gli psicologi Donald Horton e Richard Wohl hanno coniato il termine «relazione parasociale» nel 1956 per descrivere questo senso unilaterale di connessione tra una persona e un personaggio di fantasia, hanno parlato di una sensazione di «intimità a distanza» che si accresce nel tempo, man mano che il personaggio prende vita nella quotidianità. 

Da quando questo termine è stato introdotto, i ricercatori non hanno mai smesso di studiare il fenomeno e hanno spiegato che questi legami sono sorretti da due parti: da un lato l’empatia, il fatto che ci immaginiamo nei panni dell’altro e nelle situazioni che vive e, dall’altro lato, l’esplorazione della nostra vita e della nostra identità sulla base degli elementi in comune tra la vita del personaggio e la nostra – per i ricordi che una certa situazione può riportare in superficie. 

Siamo in grado sia di essere noi stessi che di diventare Bridget Jones o Arya Stark de Il Trono di Spade: attori o spettatori, in ogni caso partecipi.

Ovviamente questi rapporti parasociali possono anche diventare patologici, surrogati di rapporti veri e quindi sostitutivi della realtà, come racconta uno studio dell’Università di Haifa sugli effetti delle «rotture parasociali»: la gente si aspetta di sentirsi sconvolta al finire di una serie TV o davanti alla sparizione di un personaggio come se stesse accadendo nella vita reale – e, infatti, è nato da qualche anno il fenomeno delle fanfiction, ovvero opere scritte dai fan per portare avanti le storie che si sono concluse. 

Insomma, è normale sentirsi legati a personaggi di finzione? 

Sì, se si riesce a non cadere negli aspetti malati e morbosi della malattia, se si riesce a far sì che un film, un libro o un personaggio famoso siano un momento di riflessione e di accrescimento, un legame emotivo che aiuta a sviluppare la nostra gamma emotiva, è del tutto normale: siamo noi che, misurandoci con la narrazione delle storie, proviamo noi stessi e la nostra empatia verso gli altri.

 

 

 

 

Questo articolo è stato letto 238 volte.

libri, personaggi di finzione, serie, tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net