ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Giustizia: Coppola attacca Gamacchio, 'malagiustizia frutto di logiche di corrente' (2)-Roma: Meloni, 'quando ci incontreremo troveremo accordo per candidato sindaco'-Lombardia: iniziato il 'tour' di Guidesi tra le imprese, prima tappa in Valseriana-**Recovery: Meloni, 'Parlamento dovrà votare a scatola chiusa'**-Recovery: Meloni, 'Parlamento dovrà votare a scatola chiusa' (2)-Recovery, Corso (Polimi): "Imprese in ritardo su e-commerce e big data, serve affiancamento"-Musica: Zucchero, il 14 maggio arriva 'Inacustico d.o.c. & more'-Vitalizi: Perilli, 'nessuna lezione da Formigoni, fieri di nostra battaglia solitaria'-Da startup a leader, per Barò Cosmetics +110% fatturato nel 2020 grazie a online-Msd Italia riconosciuta 'Best workplace 2021'-Salone Mobile: i dubbi di un espositore, dispiace ma non ci sono premesse'-Roma: Calenda rilancia voce e punzecchia il Pd, 'niente primarie e Zingaretti candidato' (2)-Covid: 14.761 nuovi casi e 342 morti-Recovery: Della Vedova, 'bene piano per riforme strutturali'-Università: Cattolica, da Fondo Gemelli 1,3 mln in agevolazioni per sostenere studi-Covid: Salvini, 'nessuna chiusura spiagge, Lega ce la mette tutta'-Recovery: Letta, 'governo alla stretta finale, fondamentali obiettivi per donne e giovani'-Omofobia: Binetti, 'no a libri porno a scuola, ministero Istruzione intervenga'-Covid: Morani, 'centri commerciali devono poter riaprire anche in festivi e prefestivi'-Scuola: Rauti, 'a Fiumicino dimostrata volontà di introdurre ideologia gender'

Ogni giorno uccisi 70 elefanti: è la strage dei bracconieri. Il WWF risponde con la campagna #diamovoce

Condividi questo articolo:

Il WWF lancia una campagna contro la strage di fauna selvatica: ha raggiunto numeri preoccupanti

C’è una quotidiana strage di fauna selvatica messa in campo dai bracconieri: si contano ogni giorno 70 elefanti uccisi e 200.000 squali. Ogni settimana cadono sotto i loro colpi almeno 20 rinoceronti e 3 tigri. 

Il bilancio è tragico e per questo il WWF ha lanciato la campagna #diamovoce contro il crimine ambientale, un crimine che dietro alla ferocia nasconde un business da 23 miliardi di dollari l’anno.

Secondo i dati diffusi dal WWF nell’indice ‘Pianeta Vivente’, elaborato con la Zoological Society di Londra, in 40 anni a causa del bracconaggio il pianeta ha perso il 52% delle popolazioni di numerose specie di vertebrati.

Qualche dato? In 50 anni le tigri sono crollate da 38.000 a 3.200 esemplari: di leoni ne rimangono solo 20mila esemplari e il loro habitat si è ridotto del 90%.

Solo nel 2014 sono stati uccisi 1215 rinoceronti mentre negli ultimi 5 anni in Tanzania è stato sterminato il 60% degli elefanti. Per non parlare degli squali: ogni anno ne vengono uccisi da 67 a 273 milioni di esemplari.

‘La mappa del WWF disegna la geografia del bracconaggio che non si ferma mai. Il commercio illegale di natura selvatica si sovrappone a quello di droghe, armi e persino esseri umani e i gruppi criminali organizzati sfruttano la globalizzazione del commercio usando tecnologie sempre più avanzate per scambiare informazioni facendo diventare sempre più complesso e difficile il lavoro di contrasto portato avanti dall’intelligence e dai ranger sul campo – dichiara Isabella Pratesi, direttore Conservazione del WWF Italia – Gli elefanti, i rinoceronti le tigri uccise ogni giorno  purtroppo non hanno voce e il loro massacro passa sotto silenzio. Con la nostra campagna vogliamo ‘dare voce’ alle specie più a rischio e far emergere questi massacri rendendo evidente anche i legami tra il bracconaggio e gli altri crimini altrettanto gravi e deleteri per le nostre civiltà. E’ importante avere il sostengo di tutti per combattere questi fenomeni: l’intelligence sul campo, la formazione di guardie, le dotazioni sofisticate sono strumenti indispensabili per fermare la perdita di natura e biodiversità’.

 

Questo articolo è stato letto 7 volte.

Bracconieri, Diamo voce, fauna selvatica, wwf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net