ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Biden, il messaggio agli Usa: "Mi ritiro per difendere la democrazia. Harris è forte"-Trump: "Harris peggio di Biden: Kamala, you're fired"-Ucraina apre al dialogo con Russia. Zelensky: "Cina non darà armi a Putin"-Caldo estremo, aumenta rischio ictus: il decalogo per difendersi-Stop all'afa, ancora nessun bollino rosso ma torna lo spettro del caldo africano-Aviaria, studio rivela: "Virus si trasmette fra mammiferi, più rischi per l'uomo"-Russia, Putin compra soldati a Mosca: bonus per chi va in guerra-Trump-Harris, il nuovo sondaggio: ex presidente avanti di 3 punti-Sinner rinuncia a Parigi 2024, tutti i problemi fisici del numero 1 del tennis-Imola, bambina di 5 anni annega nella piscina di un hotel-"Netanyahu criminale di guerra", il cartello della deputata palestinese durante discorso Bibi-Netanyahu al Congresso Usa: "E' guerra tra civiltà e barbarie, insieme vinceremo"-Parigi 2024, calcio parte nel caos con Argentina-Marocco 1-2-Tangenziale Est chiusa, sopralluogo di Gualtieri sul posto: "Lavori davvero indispensabili"-Caso Yara, Bossetti e Ruggeri in aula: gip Venezia si riserva su accuse depistaggio pm-Sinner, la tonsillite e il ritiro dalle Olimpiadi: cosa dicono i medici-Da Lazza alle leggende dello sport Usa, tanti vip al concerto di Travis Scott a Milano-Cortina, gestori funivia della Tofana: "Non è successo nulla di che"-Sanremo 2024, Agcom: "Sanzione a Rai per pubblicità occulta"-Mattarella, la libertà di informazione e il ruolo dei cronisti: la parole del Presidente

Fukushima: residui radioattivi in 54 mila diversi siti

Condividi questo articolo:

A 4 anni del disastro di Fukushima, Greenpeace lancia l’allarme: riscontrati ben 54 mila diversi siti contaminati da residui radioattivi nel distretto

 

All’interno della prefettura di Fukushima sono stati riscontrati ben 54 mila diversi siti contaminati da residui radioattivi. Ad essere contaminati sono anche parcheggi e parchi pubblici. Si tratta di rifiuti atomici per 15-28 milioni di metri cubi e un consumo di 300 tonnellate d’acqua al giorno per raffreddare il nocciolo e il combustibile fuso in tre reattori a cui ne vanno aggiunte altre 3/400 tonnellate di sotterranee che passano quotidianamente dal sito e si contaminano e oltre 300 mila tonnellate di acqua contaminata che avrebbe dovuta essere trattata dalla Tepco entro marzo, ma la cui scadenza è stata spostata a maggio.

A lanciare l’allarme è il bilancio ambientale stilato da Greenpeace a 4 anni del disastro di Fukushima, che si verificò l’11 marzo 2011. L’incidente venne classificato dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica al grado 7, il massimo grado della scala, prima raggiunto solo dal disastro di Cernobyl.

‘Oltre 150 mila persone – ricorda Greenpeace – furono costrette ad abbandonare le loro case per sfuggire alla contaminazione radioattiva. Di queste, 120 mila non hanno ancora fatto ritorno a casa e il processo di decontaminazione sembra non aver fine, perché le montagne coperte di foreste e i fiumi rilasciano continuamente radioattività che raggiunge zone in precedenza decontaminate’.

L’emergenza maggiore è rappresentata dal trattamento delle acque radioattive. ‘La TEPCO – spiega Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia – deve ridurre il volume d’acqua di falda che entra nel sito di Fukushima. L’idea dei tecnici è di costruire un muro di ghiaccio lungo un chilometro e mezzo attorno al sito, per ridurre di un terzo la quantità di acqua radioattiva che viene rilasciata nell’oceano. Il muro dovrebbe resistere sei anni, fino a quando i noccioli dei reattori saranno stati sigillati. L’efficacia di quest’operazione, mai tentata prima, anche secondo alcune fonti ufficiali è tutta da capire e rappresenta l’assurdità della situazione a Fukushima, destinata a durare decenni’.

 

gc

Questo articolo è stato letto 13 volte.

Comments (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net