Flash News:
Post title marquee scroll
Renault: Macron, 'lunedì tavolo su dossier, prestito di 5 mld dipenderà da esito'-Coronavirus: in Sicilia tre nuovi contagi e un solo decesso-Coronavirus: Crimi, 'arroganza Lega senza limiti, commissione a Iv è paravento'-Federpol: "No a guardie civiche su base volontaria"-Open Arms: Linardi (Sea watch), 'con decisione Salvini si pensa politica, diritti umani calpestati'-Italmopa: 'Industria molitoria fondamentale per quella pastaria'-Coronavirus: Macron, 8 mld di euro di aiuti al settore auto in Francia-Al via progetto #Ricuciamo, 320 detenuti produrranno mascherine-Acea Ato 2: Assemblea nomina nuovo Cda, presidente Cosentino-Migranti: in 70 arrivano a Lampedusa, parroco 'sbarchi quotidiani'-Lega: Meloni, 'con occhiali Salvini ha immagine molto posata, colore indefinito'-Coronavirus: Monti, 'non accettare Mes sarà un errore'-Alberto e Tom, sposati in Uk ma non si vedono da marzo: "Noi coppie gay discriminate"-Fase 2: Alberto e Tom, 'noi coppie gay discriminate, per noi niente ricongiungimento' (2)-Fase 2: Alberto e Tom, 'noi coppie gay discriminate, per noi niente ricongiungimento' (3)-Fase 2: Alberto e Tom, 'noi coppie gay discriminate, per noi niente ricongiungimento' (4)-Coronavirus: Baffi (Iv) nominata presidente commissione inchiesta Lombardia (2)-Coronavirus: Baffi (Iv) nominata presidente commissione inchiesta Lombardia (2) (2)-Elezioni: Brescia chiede a Fico rinvio a giovedì approdo in aula dl Elezioni-Caos procure: portavoce Napolitano, da 'Giornale' accuse gratuite contro Presidente'

È la giornata mondiale delle tartarughe marine. Ancora troppe sono vittime delle reti da pesca

Condividi questo articolo:

Le tartarughe sono tra le vittime della pesca, ma grazie al progetto europeo #Tartalife le cose stanno cambiando

Purtroppo sono 50mila le tartarughe che ogni anno rimangono intrappoalte nelle reti da pesca ogni anno nei nostri mari. Solo una su cinque riesce a sopravvivere.

I pescatori tendono a liberarle in mare, e alcune vengono curate nei centri di recupero che si trovano lungo i nostri litorali.
Sono i dati diffusi da Legambiente in occasione della Giornata mondiale delle tartarughe marine che si celebra il 16 giugno e che vedrà il rilascio in mare di alcuni esemplari.

In campo per la salvaguardia di questi animali c’è anche il progetto europeo Tartalife, condotto in collaborazione con i pescatori e promosso nelle 15 regioni italiane che si affacciano sul mare. Tartalife si prefigge di ridurre la mortalità della tartaruga marina Caretta caretta indotta dalle attività di pesca attraverso la diffusione di soluzioni tecniche innovative, la formazione dei pescatori e il rafforzamento dei Presidi di recupero/primo soccorso.

Il rischio maggiore per le tartarughe è rappresentato dalle reti da posta utilizzate dalla piccola pesca costiera e dalle reti a strascico, responsabili di 20mila episodi di cattura ciascuno. Tra gli attrezzi da pesca più pericolosi troviamo anche i palangari.

Ma c’è una buona notizia: la situazione sta migliorando: “il 70-80% delle tartarughe catturate con reti a strascico ha ottime possibilità di sopravvivenza nel momento in cui i pescatori adottano le procedure che TartaLife sta divulgando attraverso i corsi di formazione”, spiega Alessandro Lucchetti del CNR-ISMAR.

Anche la nidificazione migliora sulle spiagge della penisola, grazie ai 58 nidi monitorati da Legambiente la scorsa estate.

Per festeggiare la Giornata, alle isole Egadi sarà rilasciata in mare la tartaruga Cassiopea, curata per ingestione di plastiche nel centro di Favignana, e la tartaruga Charlotte nel parco dell’Asinara. Altri esemplari saranno rilasciati nei giorni successivi a Rimini e a Manfredonia.

 

Questo articolo è stato letto 2 volte.

pesca, Tararughe, Tartalife, tartaruga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net