Animali robotici contro il bracconaggio

Condividi questo articolo:

Per combattere la caccia illegale vengono usati automi tassidermici realizzati utilizzando le carcasse degli animali investiti negli incidenti stradali

Sono tantissimi gli sforzi che si fanno contro il bracconaggio, soprattutto negli Stati Uniti, dove il problema è davvero molto molto ampio – nel dibattito che vede prevalere la legalizzazione della caccia come metodo per ridurre la caccia illegale si è persino inserito uno studio (allegare il mio articolo sul bracconaggio) per confutare questa tesi. 

Nel caso in questione, si è usata una dose di creatività veramente insolita per far fronte a questa problematica: delle squadre anti-bracconaggio hanno iniziato ad utilizzare automi animali come esche nelle operazioni atte a stanare i bracconieri.
A Eureka, in California, per esempio, orsi e cervi robotici realizzati dal tassidermista Brian Wolslegel, proprietario della Custom Robotic Wildlife, – che opera a partire da carcasse di animali investiti durante incidenti stradali – vengono fatti muovere nei loro luoghi come se fossero animali veri.
Grazie a un telecomando i loro occhi lampeggiano, le orecchie si contraggono e la coda si muove, fino a che tutti questi gesti non attirano le attenzioni di un cacciatore illegale che, scambiando l’esca per un animale vero, spara subdolamente. A quel punto, uno dei guardiani esce fuori dal suo nascondiglio e arresta il bracconiere; poi il robot viene riparato, risistemato e si ricomincia.
Le squadre anti-bracconaggio (video) posizionano le esche nelle zone dove ci sono state segnalazioni di attività sospette, ma ovviamente possono controllare un territorio limitato: non tutti i garanti della caccia legale, infatti, possono usufruire di questi strumenti, visto che un cervo robot costa circa 2000 dollari.
The Humane Society Wildlife Land Trust e altri gruppi, però, stanno cercando di dare maggiori opportunità a questa tecnica con il Robotic Decoy Program: da quando il programma è iniziato, nel 2004, è stata resa possibile la donazione di 29 esche a 21 agenzie in 20 stati: orsi neri, grizzly, cervi dalla coda bianca, antilopi e coyote.
Tutto il possibile per fermare i bracconieri.

Questo articolo è stato letto 9 volte.

bracconaggio, caccia, Custom Robotic Wildlife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net