ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fidanzati morti in garage a Napoli, il padre di lui si toglie la vita-Ia, Ferri (Ey): "Cambierà l’80% delle professioni nei prossimi cinque anni"-Sostenibilità, concorso EvolveArt: premiate le 8 opere vincitrici-Mahmood, 'Nei letti degli altri' è Disco di Platino-Stop social per under 16 e 'paletti' ai baby influencer: la bozza del ddl-Biden: "Vergognosa richiesta Corte penale internazionale mandato arresto per Netanyahu"-Y7, Ferri (Ey): "E' necessario cambiamento di sistema senza perdere di vista esigenze società"-"Lo chiamate ancora Twitter o X?", la domanda del finto Musk scatena i social-Studentessa romana violentata su nave da crociera, arrestati 3 francesi arrestati-Lavoro, Unobravo: +109,7% malessere psicologico, per 8 italiani su 10 rischio burnout-Ia, Deiana: "Il grande gioco-parte prima, la promessa', il mio libro su scenari trasformazione"-Cannes 2024, il ritorno di Demi Moore con il body-horror 'The Substance'-Controllo qualità farmaci, a Merck Italia gli About Pharma Digital Awards-Ingegneri clinici, 'convegno Aiic di riferimento su tecnologie per Ssn'-Incidente a Barletta, auto contro guardrail: morta bimba di 8 mesi-Ostia, polemiche per chioschi "impacchettati" e lidi storici chiusi-G7, Pelino (Y7): "Periodo storico denso di sfide per giovani"-Food: ecco Streg8, nuovo cocktail con Liquore Strega, Bitter 900 Rosso e Chin8 Neri-G7, Tajani apre summit Youth 7: "Ascolto giovani fondamentale per affrontare sfide"-Ciampino, 27enne trovata morta a casa del capo: si attende autopsia

Vino. L’Italia si ribella alle imposizioni di Bruxelles sulle certificazioni

Condividi questo articolo:

Il Ministero delle politiche agricole italiane non ritiene di doversi adeguare alla posizione espressa dalla Commissione Ue su enti di certificazione, e risponde a Bruxelles: decidiamo noi chi certifica. In gioco c’è il ruolo di camere di commercio e agenzie regionali

Sulla certificazione del vino l’Italia non ci sta e rimanda indietro l’invito di Bruxelles. A rischio di incorrere in una procedura di infrazione. In gioco c’è la possibilità di certificare il vino a denominazione di origine, compito svolto oggi in Italia non solo dagli enti certificatori – come vorrebbero dall’Europa – ma anche dalle Camere di Commercio e dalle agenzie regionali.

E se il direttore generale dell’Agricoltura José Manuel Silva Rodriguez chiede in una lettera ufficiale del 13 luglio che le camere di commercio e le regioni si accreditino quantomeno come enti certificatori – al fine di evitare fenomeni di concorrenza sleale visti i costi di certificazione minori rispetto agli enti terzi già accreditati – il ministero delle Politiche agricole risponde "picche" e ritiene di non doversi adeguare a quanto richiesto da Bruxelles.

Lo scontro tra Mipaaf e Commissione Ue sulla questione della certificazione del vino, va avanti da tempo. Ma questo potrebbe generare un inasprimento delle posizioni. Fino a far cadere l’Italia in una procedura di infrazione.

Nereo Brancusi
 

Questo articolo è stato letto 10 volte.

bruxelles, certificazione, DOC, docg, enogastronomia, enologia, Italia, vino

Comments (3)

  • … [Trackback]

    […] Find More here to that Topic: ecoseven.net/ambiente/indefinita-4/vino-l-italia-si-ribella-alle-imposizioni-di-bruxelles-sulle-certificazioni/ […]

  • … [Trackback]

    […] Find More Information here to that Topic: ecoseven.net/ambiente/indefinita-4/vino-l-italia-si-ribella-alle-imposizioni-di-bruxelles-sulle-certificazioni/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net