ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Superlega: Liverpool lascia, 'interrotto nostro coinvolgimento'-Superlega: Tottenham, avviate procedure ritiro-Superlega: Man United, 'non parteciperemo, ascoltato reazione fan, governo e stakeholder'-Superlega: Arsenal si ritira, 'abbiamo commesso un errore e ce ne scusiamo'-Superlega: Fa, 'accogliamo con favore la notizia che alcuni club hanno deciso di abbandonare'-**Usa: omicidio Floyd, ex agente Chauvin condannato per omicidio**-**Superlega: terminata riunione dei 12 club**-Superlega: Manchester City, 'formalmente emanato procedure per il ritiro'-**Calcio: Serie A, Verona-Fiorentina 1-2**-**Superlega: Ceferin, 'lieto di dare il bentornato al City nella famiglia del calcio europeo'**-Superlega: premier Gb Johnson accoglie con favore presunta uscita di Chelsea e City-Superlega: De Bruyne, 'è momento di riunirsi e trovare soluzione, la parola è competere'-Superlega: Briatore, 'attacco frontale alla Uefa, squadre indebitate per crisi covid'-Superlega: Briatore, 'attacco frontale alla Uefa, squadre indebitate per crisi covid' (2)-Vaccino Johnson & Johnson, verso uso per over 60 in Italia-**Superlega: Laporta e la clausula Barca, dentro solo se lo vogliono i soci'**-Grillo, legale indagato: "Sono innocenti, Bongiorno porti pure il video"-Copyright: Franceschini, 'grande opportunità per l’industria creativa italiana'-**Grillo: fonti Nazareno, 'posizione Letta forte, frasi inaccettabili, tutele per tutti'**-Omofobia: Malpezzi, 'Ostellari faccia bene il suo lavoro e calendarizzi il Ddl Zan'
foreste pluviali

Il voltafaccia delle foreste pluviali ce lo meritiamo

Condividi questo articolo:

foreste pluviali

Secondo un nuovo studio, le foreste pluviali da assorbitori di anidride carbonica ne diventeranno presto produttori.

Invece di assorbire l’anidride carbonica dall’aria, le foreste pluviali tropicali potrebbero diventare una fonte di carbonio nell’atmosfera già nel prossimo decennio: a dirlo è un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature.

«Abbiamo scoperto che uno degli impatti più preoccupanti dei cambiamenti climatici è già iniziato», ha detto a The Guardian Simon Lewis, autore dello studio ed ecologo vegetale all’Università di Leeds .

I ricercatori hanno trascorso 30 anni a rintracciare 300.000 alberi nelle foreste pluviali africane e amazzoniche.

Il loro lavoro li ha portati in siti remoti e gli ha persino richiesto una traversata di una settimana in una canoa per fare una ricerca approfondita nella Repubblica Democratica del Congo.

Il team ha etichettato albero per albero, calcolando altezza e diametro ogni pochi anni e calcolando il carbonio immagazzinato sia negli alberi sopravvissuti che in quelli morti.

I dati hanno mostrato che le foreste amazzoniche – che affrontano temperature più elevate e siccità peggiori – hanno iniziato a indebolirsi per prime, ma che le foreste africane non si sono fatte aspettare molto.

E così, i ricercatori hanno potuto fare delle proiezioni su un modello statistico per capire le tendenze in termini di emissioni, precipitazioni e temperature e prevedere come le foreste immagazzineranno carbonio nel prossimo futuro.

Secondo le loro stime, le foreste si trasformeranno presto in fonti di carbonio.

L’assorbimento di carbonio da parte delle foreste tropicali ha raggiunto il suo picco negli anni ’90: allora le foreste assorbivano circa il 17% dell’anidride carbonica generata dall’uomo. Ma siccità, deforestazione e alte temperature hanno influito negativamente sulle loro capacità e, nell’ultimo decennio, le foreste hanno potuto toglierci solo il 6% circa delle emissioni globali.

Se continuiamo a fare quello che facciamo, senza riuscire a frenare le emissioni di combustibili fossili, molto preso il ciclo globale del carbonio inizierà a lavorare contro di noi. E allora che faremo?

Questo articolo è stato letto 66 volte.

anidride carbonica, carbonio, foreste, Foreste pluviali

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net