ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Sanremo: Ibra ironizza su lunghezza festival, 'troppa gente in campo, rischiamo squalifica'**-Sanremo: Nuove Proposte, Gaudiano dedica vittoria a padre scomparso e si commuove-Sanremo: Wrongonyou vince il Premio della Critica Mia Martini Nuove Proposte-Sanremo: Gaudiano è il vincitore delle Nuove Proposte del 71mo festival-Usa-Ue: Bellanova, 'accordo restituisce respiro a Made in Italy'-Dazi: Airbus, 'accogliamo con favore stop per favorire negoziato'-Petrolio: a New York chiude in rialzo a 66,09 dollari-Pernod Ricard: acquista quota maggioranza rum colombiano La Hechicera-Pd: Cuppi, 'organismo esecutivo per gestire Assemblea'-Sanremo: Ibra, 'se canterò anche stasera? Non si sa mai...'-Tognoli: il cordoglio di Meloni e di FdI-Sanremo: Irama più citato sui media fra i cantanti, ma la sorpresa è Orietta Berti (2)-**Pd: si chiude era Zingaretti, segretario o reggente grandi manovre in corso'**-**Pd: si chiude era Zingaretti, segretario o reggente grandi manovre in corso'** (3)-Covid: Giani, 'Contagi si stabilizzano, reggere ancora un mese di restrizioni'-Tim: depositata lista Cdp per rinnovo collegio sindacale-Covid non fa girare più l'industria della giostra, per costruttori solo disperazione-Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos-Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos (2)-Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos (3)

Il punto di non ritorno dell’Amazzonia

Condividi questo articolo:

La foresta pluviale amazzonica potrebbe raggiungere già nel 2021 un punto di svolta irreversibile verso il  disastro ambientale

L’inesorabile deforestazione amazzonica e la cattiva gestione della regione da parte delle autorità brasiliane e dei sostenitori dell’agricoltura stanno avvicinando sempre di più la più grande foresta pluviale tropicale del mondo sull’orlo di un catastrofico crollo ecologico.

La situazione è molto grave perché, una volta raggiunto quel punto di svolta, non ci sarà modo di tornare indietro. Le stime rivelano, infatti, che se la cattiva gestione ambientale di massa persiste, entro due anni, la foresta cederà e non sarà più in grado di sostenersi e di sostenerci.

La notizia è stata condivisa in un brief politico messo a punto da Monica de Bolle, membro senior del Peterson Institute for International Economics di Washington DC. Sfortunatamente, il rapporto è stato molto discusso principalmente per le molte polemiche che ha suscitato, visto che ha fatto scatenare l’offensiva di alcuni climatologi e ricercatori che sostengono che il punto critico non è affatto così vicino, ma ci vogliono ancora 15-25 anni per raggiungerlo.

Attualmente l’Amazzonia sta vivendo un’eccessiva deforestazione, il 75% della quale viene attribuito a due materie prime: soia e carne bovina – le principali esportazioni del Brasile. La deforestazione diffusa e la bonifica dei terreni stanno facendo aumentare il rischio di incendi, siccità e stress termico e stanno rendendo gli alberi e l’ecosistema vulnerabili a parassiti e agenti patogeni, predisponendo ulteriormente la flora a un prosciugamento forestale di vasta portata e all’imminente declino ecologico.

Purtroppo, una foresta pluviale amazzonica in queste condizioni non sarà più i grado di diffondere il fiume volante di acqua che gli permette di sostenersi e di far respirare meglio il mondo.

Quindi, il fatto è che non è importante se questo punto di svolta irreversibile sarà tra due o venti anni: se le cose andranno avanti in questa maniera, l’Amazzonia comunque crollerà e l’interno pianeta ne pagherà le conseguenze.

 

Questo articolo è stato letto 3 volte.

2021, Amazzonia, crollo ecologico, deforestazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net