ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Turismo: AlUla presenta 'Forever Revitalising', prima campagna di promozione globale-Sardegna, Muscas (Confapi Donna): "Frantumato tetto di cristallo, ora via muro imprese-burocrazia"-Sardegna, l'imprenditore Agabio: "Speranza che nuova giunta dialoghi con aziende tech locali"-Turismo, dal 10 al 17 marzo a Milano va in scena la Ireland Week-Dal Consorzio della mozzarella di bufala campana Dop una maxi treccia tricolore a Mattarella-Roma Couture, l'Alta Moda Capitolina torna in passerella-Sardegna, Durante (Cgil): "Da Todde ci aspettiamo dialogo sociale, pronti a collaborare, agire su emergenze"-Altroconsumo, più consapevolezza che pensione non basterà ma 1 su 3 non fa nulla-Cida: "Politica si faccia carico del ceto medio, il pilastro che sostiene l’Italia"-Sardegna, De Pascale (Confindustria) a Todde: "In primi 100 giorni sbloccare Grandi opere"-Sardegna, Giachetti (Aidda): "Vittoria Todde oltre contingenza politica, è donna di talento"-Da Milano-Bicocca i corsi 2024-2025, c'è anche Management per gli studenti lavoratori-Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini

Scienze: tatto e vista, un aiuto per la memoria

Condividi questo articolo:

Il ricordo è più’ forte quando abbiamo visto o toccato le cose da memorizzare. Lo dimostra uno studio dell’università dello Iowa

Ricordare è più semplice se abbiamo visto o toccato. Lo dimostra uno studio condotto da alcuni scienziati dell’università dello Iowa.

Lo studio ha coinvolto circa un centinaio di ragazzi a cui è stato chiesto di ascoltare delle registrazioni audio di cani che abbaiavano, di guardare video muti di una partita di basket, di toccare oggetti senza poterli vedere.

Dopo soltanto un’ora il ricordo degli studenti presentava già delle lacune ma si è notato che la memoria legata alle esperienze visive e a quelle tattili era più ‘resistente’ di quella legata soltanto ai suoni. Stesso risultato è stato ottenuto testando i ricordi dopo un giorno e dopo una settimana.

Quando qualcuno ci chiede di ricordare una cosa allora forse conviene scriverla.

Anche se perderemo il foglietto in cui abbiamo preso l’appunto, averla ‘vista’ scritta può aiutare comunque il nostro cervello a ricordarla più a lungo!

(A.S.)

Questo articolo è stato letto 37 volte.

cani, cervello, studenti, studio, video

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net