ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Scuola: Suor Monia Alfieri, 'cv studente? Va migliorato per non incrementare diseguaglianze'**-Roma: Madia, 'spero si stoppi farsa ricerca donna-figurante per le primarie'-Al via II edizione 'Kinderometro' indagine su evoluzione rapporto genitori e figli-**Ciclismo: Giro d'Italia, Mader vince 6a tappa, Attila Valter nuova maglia rosa**-Roma: Gualtieri pubblica foto con Cirinnà, 'insieme per Capitale diritti, ecologia, lavoro'-Omofobia: Gasparri, 'limitare ddl Zan a violenze e discriminazioni'-Giustizia: Serracchiani, 'riforme in Parlamento con tutti e senza bandierine'-Gruppo Cap: al via patto collaborazione con Comune Milano per quartiere di via Rimini-Gruppo Cap: al via patto collaborazione con Comune Milano per quartiere di via Rimini (2)-Gruppo Cap: al via patto collaborazione con Comune Milano per quartiere di via Rimini (3)-Atletica: Jacobs fa 9.95 a Savona, record italiano dei 100 metri-Al via II edizione 'kinderometro' indagine su evoluzione rapporto genitori e figli-Mo: Cuppi, 'pace con accordo internazionale chiaro e condiviso'-Giustizia: Malpezzi, 'le riforme si fanno in Parlamento'-**Giornalisti: Sallusti si dimette dal Giornale dopo 12 anni**-Vaccini Lazio, weekend open day AstraZeneca over 40: iscrizioni aperte-**Giornalisti: Feltri, 'rumors Sallusti a Libero? Non confermo, ma se viene sarei molto lieto'**-Giustizia: Letta, 'Pd sostiene Cartabia per coraggiosa riforma'-Giustizia: Letta, 'con riforme Italia più credibile in Ue per Next generation permanente'-Banca Ifis, Geertman: 'Gruppo resiliente, risultati confermano nostro modello'

A Parigi nasce l’albergo di lusso per i cani

Condividi questo articolo:

Un albergo di lusso per cani e il massaggiatore per gli amici a quattro zampe, accade a Parigi. In Francia si spendono 4 miliardi di euro all’anno

Sembra strano ma è vero, a Parigi c’è un albergo di lusso per cani. Si chiama Actuel dog e offre ai suoi clienti lenzuola di seta, massaggi e pranzetti raffinati, ma anche tv, compagnia e tutti i comfort che una vera vacanza richiede. La strana idea è venuta a Stan Burun, specialista del comportamento animale, e a sua moglie, Devi Burun, un avvocato. I due hanno pensato che nelle grandi città i cani sono amati come se fossero figli e che quindi preferirebbero affidarli ad un albergo di lusso che ad una comune pensione per cani o ad un canile. I padroni più apprensivi possono anche monitorare e controllare il comportamento del proprio cane attraverso una webcam.

Questo albergo per cani è situato nei pressi del Bois de Boulogne, un grande parco all’ovest di Parigi, ed ha 6 camere di 9 metri quadrati ciascuna, decorate con colori vivaci e quadri alle pareti, dotate di poltrona, letto e tessuti ipoallergenici. Il costo? 45 euro a notte, ma dipende dal periodo: in bassa stagione il prezzo scende a 35.

Pazzia, schiaffo alla crisi o semplicemente amore incondizionato per gli animali che vengono visti proprio come figli. La Francia, così, spende ogni anno 4 miliardi di euro per la cura dei propri cani. L’amore verso i cani porta alla nascita anche di nuove figure professionali. E non parliamo del dog-sitter, che ormai sembra esser quasi passato di moda. O meglio, il dog-sitter sembra aver cambiato le proprie abitudini. Ogni giorno fa il giro della città e porta con se tutti i cani dei padroni che lavorano o non hanno voglia di portare fuori il proprio cane. E per 4 ore di passeggiata al parco collettiva sono 30 euro a cane.

E non è tutto. Se il cane a casa è troppo vivace allora la soluzione potrebbe esser un bel massaggio, rilassante magari. Il costo? 35 euro ogni mezz’ora. Cosa non si fa per i propri amici a quattro zampe …

(GC)

Questo articolo è stato letto 53 volte.

albergo lussuoso per cani a Parigi, albergo per cani, cani, dog-sitter, massaggi per cani, parigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net