ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili (2)-Fase 3: rapporto task force Colao nel weekend consegnato a Conte-Randstad, formati in 1.500 rimasti disoccupati durante emergenza-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali'-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali' (2)-**Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili**-Governo: sondaggio Ipsos, alta fiducia in Conte e nel governo, Lega primo partito-L’innovazione applicata a informazione ed educazione: Andrea Scanzi e Paolo Crepet ospiti sul Mainstage del WMF online nella giornata inaugurale-Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia (2)-Fase 3: ecco lettera Conte-Sanchez a Ue, criteri a frontiere uguali per tutti-Fase 3: Conte, 'su confini Ue criteri condivisi per ritorno normalità'-Aids, diagnosi precoce e qualità della vita: a caccia di sviluppatori per soluzioni innovative-Bombardier: taglierà 2.500 posti di lavoro, pesa emergenza Covid-**Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia**-Varese: spintoni e sberle all'asilo, 5 maestre indagate a Busto Arsizio-**Governo: Conte concentrato su ripresa, mai pensato a suppletive Senato**-Coronavirus: Gori, 'gesto di affetto presenza Mattarella a Bergamo il 28 giugno'-Coronavirus: Mattarella il 28 giugno a Bergamo per commemorazione vittime-Al via giovedì Forum della Comunicazione, asset anti-Covid-Coop, marzo-aprile +5% vendite ma ipermercati - 11%

TV e coagulo di sangue

Condividi questo articolo:

Troppo tempo davanti alla televisione può causare tromboembolismo venoso

Tutte le ore che passiamo a guardare in maniera ossessiva una nuova serie TV che è disponibile in tutte le sue puntate sulla nostra televisione non sono un buon servizio che facciamo ai nostri vasi sanguigni, lo dice una nuova ricerca.

Lo studio, pubblicato sul «Journal of Thrombosis and Thrombolysis», ha rilevato che le persone che passano troppo tempo davanti alla TV sono a maggior rischio di coaguli di sangue nelle loro vene – una condizione che viene chiamata tromboembolismo venoso (TEV).
Questi coaguli, che spesso si verificano nelle gambe, possono staccarsi e viaggiare verso i polmoni, causando una condizione potenzialmente mortale chiamata embolia polmonare. I coaguli sono stati anche soprannominati «sindrome della classe economica», dopo i casi che si sono verificati tra i passeggeri dei voli a lunga percorrenza.

Come hanno spiegato i ricercatori della University of Minnesota, sedersi per lunghi periodi di tempo può causare la formazione di coaguli di sangue, poiché la normale circolazione attraverso le gambe e i piedi è compromessa. Per sapere se la visione prolungata della televisione poteva aumentare questo rischio, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 15.000 americani, tra i 45 e i 64 anni, in uno studio a lungo termine iniziato nel 1987.

A partire dal 2011, si sono verificati circa 700 casi di TEV tra i partecipanti. Coloro che guardavano molta televisione avevano un rischio maggiore del 70% di sviluppare dei coaguli rispetto a quelli che non guardavano mai la TV o la guardavano raramente. Questo rischio è rimasto elevato anche dopo aver preso in considerazione fattori come il peso della persona o i livelli di esercizio.
Lo studio non è stato in grado di dimostrare che è stato il guardare la TV, in particolare, a causare l’aumento di coaguli, potrebbe solo indicare un’associazione. Ma di fatto questa associazione c’è e non è il primo studio che la segnala, quindi è il caso di stare molto attenti alle scelte che si fanno in merito alla suddivisione del proprio tempo libero, ricordandosi una volta di più quanto sia importante muoversi.

Questo articolo è stato letto 2 volte.

tromboembolismo venoso, tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net