ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Sport: Falcone (Fijlkam), 'dati Eurispes confermano interesse giovani per arti marziali'**-Collirio italiano dimezza durata terapia dopo intervento cataratta-Libri: Adei, niente Siae per le letture ad alta voce-Libri: Adei, niente Siae per le letture ad alta voce (2)-Covid: Coraggio, 'pass verde? Io preferisco meno riservatezza e più libertà'-Coni: Idem, 'bene Malagò, candidatura Bellutti è stata importante per dar voce alle donne'-Coni: Falcone (Fijlkam), 'rielezione Malagò spero rafforzi la posizione del Comitato olimpico'-**Coni: Gravina (Figc), ‘contento che calcio torni in giunta, daremo nostro contributo’**-Coni: Abbagnale, 'ok conferma Malagò, è guida migliore sport italiano'-Italia-Argentina: Draghi riceve Fernàndez a P.Chigi-Calcio: Mancini, 'Verratti? Fiducioso su suo recupero per Europei'-Di Battista, libro: "Berlusconi al governo per accidia M5S"-Coni: Fontana, 'buon lavoro a Malagò, prosegue percorso verso Milano-Cortina'-Lombardia: le acrobazie della 'mototerapia' incantano la piazza della Regione-Lombardia: le acrobazie della 'mototerapia' incantano la piazza della Regione (2)-Lavoro: Bellanova, 'finalmente cambio ad Anpal, meglio tardi che mai'-Covid: in Lombardia riprendono vaccinazioni per insegnanti e personale scolastico-Covid: in Lombardia riprendono vaccinazioni per insegnanti e personale scolastico (2)-Covid Valle d'Aosta, oggi 29 contagi: bollettino 13 maggio-**Terrorismo: Coraggio, 'saranno soggetti a principi Costituzione, non c'è diritto fuga'**

Mettere in pausa la dieta ogni tanto può aiutare a perdere peso

Condividi questo articolo:

Una dieta intervallata potrebbe essere la chiave per dimagrire in modo stabile

Il modo migliore per far funzionare una dieta? Prendersi una pausa. Non è una battuta: ogni tanto interrompere il regime imposto può avere effetti positivi se vogliamo perdere peso. Lo spiega una nuova ricerca guidata dall’Università della Tasmania, in Australia.

Gli studiosi hanno confrontato gli effetti di una dieta continuativa rispetto a una intermittente utilizzando i dati di 51 uomini obesi monitorati nell’arco di 30 settimane. Alcuni hanno seguito la dieta senza interruzioni, altri hanno intervallato due settimane di dieta a due settimane di stop.

Coloro che hanno seguito la dieta “intermittente” hanno perso più peso e ne hanno riguadagnato meno dopo il termine della dieta.
Secondo gli esperti potrebbe essere dovuto a un ‘riavvio’ del metabolismo. Il corpo ha una reazione importante quando si dimagrisce: ingaggia una sorta di ‘battaglia’ contro la perdita costante di una quantità notevole di peso. In questa maniera brucerà meno grassi una volta che si comincia a mangiare normalmente e ciò rende più difficile anche il mantenimento degli obiettivi.

Questo articolo è stato letto 69 volte.

dieta, Intervalli, obesità, salute, Tasmania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net