Dimagrire bevendo due bicchieri di acqua prima dei pasti

Condividi questo articolo:

Bere acqua prima dei pasti aiuta a dimagrire: accelera il metabolismo e grazie alla sensazione di sazietà ci permette di mangiare meno, diminuendo le calorie

Bere acqua, prima dei pasti, fa dimagrire. In particolare assumere almeno due bicchieri di acqua naturale prima di pranzo e cena fa diminuire la quantità di calorie ingerite. Lo affermano degli studi condotti dai ricercatori del Virginia Tech.

I dati secondo cui bere due bicchieri di acqua fa dimagrire sono emersi da una ricerca condotta su un gruppo di persone affette da sovrappeso, alle quali è stato proposto un piano dietetico e, alla metà di loro, è stato chiesto di bere prima dei pasti due bicchieri di acqua a temperatura ambiente. I risultati dimostrano che coloro i quali hanno bevuto l’acqua hanno avuto un maggior calo ponderale, rispetto all’altro gruppo. Chi ha bevuto due bicchieri di acqua prima di ogni singolo pasto è riuscito ad eliminare circa sette chili, mentre gli altri ne hanno persi cinque. E non solo. Le persone che hanno continuato a bere acqua prima dei pasti sono riusciti a dimagrire ancora di un altro chilo. Il gruppo che invece non ha bevuto, nel corso del tempo, ha ripreso circa un chilo di peso.

Bere quindi due bicchieri di acqua naturale aiuta la riduzione dell’apporto calorico dei singoli alimenti, riempie e ci aiuta a mangiare meno, quindi a dimagrire. Ma soprattutto ci aiuta a raggiungere dei risultati che durano nel tempo. Secondo quanto dimostrato l’acqua aiuta a velocizzare il metabolismo e ad introdurre meno calorie, grazie alla sensazione di sazietà.

(gc)

 

Questo articolo è stato letto 71 volte.

acqua, acqua fa dimagrire, acqua naturale, cena, dieta, dimagrire, dimagrire bevendo acqua, pranzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net