ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Lombardia: Majorino, 'rispetto Moratti ma se voleva dialogo perché votava con Fontana?'-Da Imid Academy la prima metodologia per accedere ai fondi Pnrr-Zambito (Pd): "Metodologia Imid Academy vincente, a favore salute cittadini"-Ucraina: Amendola (Pd), 'sostegno a Kiev e fermare la guerra'-5G, Corti (Windtre): 'Serve nuova politica industriale per continuare a investire in reti'-Giappone: premier, 'no ad attacchi preventivi, continuiamo con politica difensiva'-5G, Missori (Ericsson): 'Intervenire per permettere investimenti da operatori'-Sport: al via 5^ edizione di 'Valori in Campo', di Cap per promuovere inclusività e sostenibilità-Modena, arrestato imprenditore Biagio Passaro-Brescia: blitz carabinieri in hotel abbandonati, fermate 4 persone e sequestrata droga-Lombardia: commissione bilancio approva a maggioranza manovra 2023-25-**Modena: imprenditore Biagio Passaro arrestato da Gdf**-Varese: università Insubria acquista City Hotel per 4 mln, sarà residenza per studenti-**Milano: carabinieri bloccano un uomo autoaccusatosi di aver ucciso la moglie**-**Pd: 'chiamiamolo partito del lavoro', idea Lepore piace, da Ricci a Zingaretti**-Nuoto: mondiali vasca corta, i convocati azzurri per Melbourne-Tiro a volo: Luciano Rossi è il nuovo presidente dell'Issf-Milano: da domani torna 'Milano è Viva' nei quartieri, ci sarà anche Ludovico Einaudi-Calcio: Gravina, 'Juve? Attenti al linciaggio di piazza'-**Milano: donna uccisa in casa con arma da taglio, autore si è costituito**

Il 2014 anno orribile per la raccolta delle olive?

Condividi questo articolo:

Maltempo e parassiti hanno determinato un vistoso calo della produzione e ora l’olio italiano è a rischio.

Si prospetta una pessima stagione per uno dei prodotti italiani più amati al mondo: l’olio di oliva. Il 2014 rischia di diventare l’annus horribilis per la raccolta delle olive. L’estate molto piovosa ha favorito gli attacchi di parassiti e patogeni dell’olivo, soprattutto la mosca olearia e a questo si è aggiunto il maltempo devastante di questo autunno che ha provocato frane e alluvioni. In alcune regioni in particolare, dunque, la produzione di olio si prospetta molto scarna. Anche nelle regioni big producer come l’Umbria (-45%), la Toscana (-40%), la Puglia (-35%) si stima un calo produttivo rilevante. Vanno meglio invece la Sardegna e il Piemonte (+30%). Nel Centro ed in Liguria si attende una produzione quasi dimezzata: nelle Marche (-45%), in Liguria (-45%), nel Lazio (-37%), mentre in Molise il calo stimato si attesta a -30%. In decisa flessione anche l’Emilia Romagna (-40%) dove si è anticipata di molto la raccolta per preservare le olive da ulteriori attacchi della mosca olearia.

Secondo le stime elaborate da Ismea, Unaprol e altri operatori, l’andamento produttivo della campagna 2014/2015 di olio si attesterebbe ad un livello pari a 302 mila tonnellate, contro le 464 mila diffuse dall’Istat per il 2013. Ciò naturalmente rischia di far lievitare i prezzi, soprattutto dell’extravergine. Inoltre Coldiretti lancia l’allarme sulle produzioni estere: “il mercato rischia l’invasione delle produzioni provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente che non sempre hanno gli stessi requisiti qualitativi e di sicurezza”. Secondo l’organizzazione, le importazioni di olio di oliva dall’estero sono aumentate del 45 per cento rispetto allo scorso anno, ma “sul mercato è praticamente impossibile riconoscere il prodotto straniero per la mancanza di trasparenza nell’etichetta”.

AS

Questo articolo è stato letto 22 volte.

olio, olio oliva, oliva, produzione olio

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net