Arriva Bio, l’olio extra vergine che da’ energia a bimbi e anziani

Condividi questo articolo:

Arriva l’olio extravergine Bio, prodotto solo con olive della varietà ‘Dritta’ tipica abruzzese: da’ energia a bimbi e anziani

 

In attesa della nuova campagna olivicola ed olearia, l’olivicoltura abruzzese scalda i motori con l’iniziativa: E’ la qualità che conta, evento promosso dalla cooperativa agricola Plenilia di Pianella (Pe).

L’incontro organizzato nell’ambito del programma di tracciabilità di Unaprol del REg. Ce 867/08 ha fatto da cornice alla presentazione di uno dei prodotti di punta dell’offerta di alta qualità italiana. Si tratta di Bio, prodotto solo con olive della varietà “Dritta”, tipica cultivar abruzzese della zona di Pescara.

“E’ un prodotto dell’innovazione che punta a valorizzare le tipicità distintive del territorio”, ha affermato Massimo Gargano presidente di Unaprol. “Un Paese come l’Italia che può contare su produzioni di pregio derivate da mix varietali inimitabili, un patrimonio unico di oli extra vergini DOP, una presenza capillare sui mercati mondiali, una invidiata conoscenza delle dinamiche di consumo e la disponibilità di  competenze e tecnologie industriali esportate ovunque – ha poi aggiunto –  deve saper innovare con la tracciabilità dell’alta qualità dell’olio extra vergine italiano”. 

Bio è un prodotto biologico di innovazione.  Indicato per l’alimentazione dei bambini che fa bene anche ai grandi perché particolarmente ricco di antiossidanti che sono le truppe scelte per l’anti invecchiamento. A spingere verso questo segmento di consumatori, le stesse produttrici della cooperativa che hanno selezionato le migliori partite della varietà Dritta, testate sui propri figli. Ricco di polifenoli e tocoferoli, quest’olio è altamente digeribile, favorisce lo sviluppo del sistema nervoso del bambino ed è particolarmente raccomandato durante la gravidanza. Presenta una concentrazione di polifenoli totali superiore alla media italiana.  “Un elisir di lunga vita”, riferisce Gianfranco Daddario presidente della cooperativa Plenilia che è  già disponibile sul mercato, ed è inserito nel programma di tracciabilità di Unaprol che garantisce la storia del prodotto dalle olive alla fase di imbottigliamento. Il progetto è stato seguito nelle sue fasi dal prof. Maurizio Servili dell’Università di Perugia e dal prof. Angelo Cicchelli dell’università di Pescara

L’olivicoltura in Abruzzo è la seconda coltura arborea più coltivata subito dopo la vite. La regione si colloca al 6° posto in Italia come produzione olivicola con 125.000 tonnellate ed olearia con circa 13.000 tonnellate, dopo Puglia, Calabria, Sicilia, Campania e Lazio.

L’olivicoltura si estende su circa 44.000 ettari, pari al 4% del totale investito in Italia ed al 5% dell’intera superficie olivicola del Mezzogiorno. 60 mila le aziende olivicole che rappresentano il 5% del totale delle aziende in Italia ed  il 7% di quelle presenti nel meridione.

 

La provincia più olivicola è Chieti con il 53% alla produzione regionale, seguita dalla provincia di Pescara con il 30% e la provincia di Teramo presenta con il 13,2% . Tre le DOP presenti, rispettivamente nelle province di Chieti (Colline Teatine), Pescara (Aprutino Pescarese) e Teramo (Pretuziano delle colline teramane). (com)

Questo articolo è stato letto 21 volte.

olio, olio bio, olio extravergine, olio oliva, oliva

Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net