ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
La tolgono alla madre per abusi su minori, ma poi torna in famiglia: muore bimba di 5 anni-Virus delle scimmie, cos'è e come si trasmette all'uomo l'Herpesvirus che ha colpito un 37enne-Ismea, comparto vitivinicolo vale un terzo del mercato assicurativo agricolo agevolato-Schlein: "Campo largo non è morto. Conte? Avversario è il governo, spero non interessi solo me"-Sydney, nuovo attacco con coltello: vescovo ferito in chiesa-Iran e l'attacco simbolico contro Israele: vittime ridotte al minimo e spettacolo massimo-Iran, attacco a Israele è flop tecnico: metà dei missili fa cilecca-Ndicka, le cause del malore: ipotesi trauma toracico-Amadeus lascia la Rai, non rinnoverà il suo contratto-Udinese-Roma sospesa, le ipotesi per il recupero della sfida-E' morto Mattia Giani, calciatore del Castelfiorentino colpito da malore in campo-Editoria, Adnkronos lancia campagna istituzionale del suo sito web-Milano, di proprietà della 'Ndrangheta i locali della movida: 14 arresti per infiltrazione mafiosa-Made in Italy, Acampora: "Prezioso il lavoro di Urso per riportare al centro l'orgoglio nazionale"-EY Italia, Stefania Boschetti è la nuova Ceo-Ucraina, Kiev: "Zaporizhzhia colpita 400 volte in 24 ore". Attacco Russia nel Donetsk: 4 morti-Samsung strappa ad Apple il primo posto nelle vendite di smartphone-Fiorello: "Amadeus ospite ultima puntata VivaRai2, forse ultima cosa in Rai"-Rifiuti, Iacono (ad Hera): "Ne recuperiamo oltre 7 milioni di tonnellate"-Sostenibilità, Ramonda (ad Herambiente): "Investiamo sulla rigenerazione delle risorse"

Lisbona: raccolta cibo casa per casa, per ridurre lo spreco

Condividi questo articolo:

Per ridurre lo spreco di cibo, a Lisbona, alcuni volontari raccolgono gli alimenti non consumati da ristoranti, case e negozi e lo distribuiscono ai poveri

 

Ridurre lo spreco alimentare, aiutando chi ha bisogno: e’ questo lo scopo dell’iniziativa nata a Lisbona, dove un gruppo di cittadini volontari raccoglie il cibo non consumato in ristoranti,  negozi e case di privati cittadini. Il cibo raccolto e, fortunatamente non sprecato, viene poi distribuito alle associazioni che si occupano di assistenza ai poveri.

L’iniziativa che riduce lo spreco di cibo si chiama Re-food: i volontari raccolgono quello che non è stato venduto o consumato nelle panetterie, nelle salumerie, nelle drogherie, nei supermercati e nella case di privati cittadini. Nel quartiere di Nossa Senhora de Fàtima, per esempio, hanno aderito all’iniziativa contro lo spreco alimentare già 115 locali, mentre i volontari che operano sono più di 300. A Telheiras, invece, operano 200 volontari, mentre i negozi che hanno aderito a Re-food sono 150. ‘Il nostro obiettivo è di coprire tutta la città entro il 2014, e trasformare Lisbona nella prima città europea dove lo spreco dei cibo è azzerato. Può sembrare un traguardo azzardato, ma vista l’enorme partecipazione che stiamo riscontrando in tutti i quartieri della città, penso che lo centreremo’ – ha affermato Hunter Halder, responsabile del progetto Re-Food.

 

Oltre ad evitare lo spreco di cibo i volontari evitano anche l’immissione in aria di polveri sottili e inquinanti: la raccolta del cibo e la sua distribuzione avviene in bicicletta. 

(gc)

Questo articolo è stato letto 23 volte.

alimentazione, poveri, ridurre spreco, spreco di cibo

Comments (12)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net