ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: Napoli, trauma contusivo del bicipite femorale destro per Lobotka-Elezioni: Sibilia a Calenda, 'guerra a Conte? Salvini e Meloni brindano'-Scala: domani proiezione 'Macbeth' anche al carcere di San Vittore-Bancarotta: Sampdoria, 'vicende non riguardano club ma Ferrero si dimette da presidente'-Rider: Romano (M5S), 'vanno assunti, da Ue giunga messaggio chiaro'-Mediaset: Berlusconi, 'gruppo si va sempre più internazionalizzando'-M5S: nuova 'apertura' Berlusconi,' ha dato voce a disagio reale che merita rispetto'-Governo: Quagliariello, 'Renzi? Per ora avvicinamento, niente gruppi o partiti'-Calcio: Berlusconi, 'oggi è affare di finanza internazionale, di petrolieri magnati e fondi'-Libri: 'Un uomo, un medico', cinquanta anni di storia raccontata da Maristella Panepinto (2)-**Covid: i 'danneggiati dal vaccino' sfilano di fronte a Speranza, 'abbandonati dallo Stato'**-**Covid: i 'danneggiati dal vaccino' sfilano di fronte a Speranza, 'abbandonati dallo Stato'** (2)-Covid: Lega a Fedriga, 'avanti così Max, ti siamo vicini'-Manovra: emendamento Potere al popolo scritto con operai Gkn, stop delocalizzazioni-**Calcio: Scaroni, 'al momento da parte di Elliot nessun orientamento verso cessione Milan'**-Covid: Serracchiani, 'vicini a Fedriga, basta clima d’odio'-Papa: Mattarella, 'incoraggia dialogo e coesione in Mediterraneo'-Calcio: Scaroni, 'Plusvalenze? No a denominatore comune che club devono fare salti mortali'-**Stadio Milano: Scaroni, 'annuncio progetto finale prima di Natale'**-Manovra: Gazzi, 'Cambiarla per garantire diritti'

Ancora 805 milioni di persone soffrono la fame

Condividi questo articolo:

Il numero di persone sottoalimentate nel mondo e’ sceso di circa 100 milioni rispetto all’ultimo decennio,  ma ancora 805 milioni soffrono la mancanza di cibo

 

Ancora 805 milioni di persone in tutto il mondo non hanno cibo a sufficienza. Fortunatamente il numero di persone sottoalimentate nel mondo e’ sceso di circa 100 milioni rispetto all’ultimo decennio, di 200 milioni rispetto a venti anni fa, ma tanto ancora deve esser fatto.

Eppure dimezzare la fame entro il 2015 potrebbe essere un obiettivo ‘a portata di mano, ma solo se gli sforzi adeguati e immediati verranno intensificati’. Nel rapporto si legge come 63 Paesi in via di sviluppo abbiano già vinto la sfida contro la fame, altri sei sono sulla buona strada: ‘Questa e’ la prova che la lotta contro la fame puo’ essere vinta, e questo dovrebbe ispirare i paesi ad andare avanti, con l’assistenza della comunita’ internazionale, se necessario’, scrivono nella prefazione i responsabili della Fao, dell’Ifad e del Pam, rispettivamente Jose’ Graziano da Silva, Kanayo F. Nwanze e Ertharin Cousin.

‘Con il necessario impegno politico una riduzione veloce, sostanziale e sostenibile della fame e’ possibile, capendo appieno le sfide nazionali, le opzioni politiche pertinenti, gli insegnamenti da altre esperienze e con una partecipazione ampia’.

 

Non solo. Il monitoraggio della Fao mostra anche che i progressi compiuti non sono del tutto omogenei. Alcune zone – America Latina e Caraibi – registrano numeri in crescita, mentre e’ ancora difficile la situazione nell’Asia occidentale e nell’Africa sub-sahariana, dove si chiedono maggiori sforzi da parte dei governi.

gc 

Questo articolo è stato letto 12 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net