ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
'A tutta vita', al via progetto per teenager su corretto uso tecnologie-Lombardia: Pd, 'passaggio Fermi e Piazza per mascherare debolezza Salvini'-Al via 'The Source', concorso letterario per racconti di climate fiction italiani-Scuola: Costarelli (presidi Lazio), 'dirigenti sono garanti privacy di studenti e famiglie'-Libri: 'Icaro e il volo su Roma', da Giovanni Grasso storia di amore per la libertà/Adnkronos-Libri: 'Icaro e il volo su Roma', da Giovanni Grasso storia di amore per la libertà/Adnkronos (2)-Libri: 'Icaro e il volo su Roma', da Giovanni Grasso storia di amore per la libertà/Adnkronos (3)-Covid: Serracchiani, 'green pass strumento di libertà, avanti con rigore e gradualità'-Bono: "Serve riflessione su numero atenei e frammentazione discipline"-Gubitosi: "Digitale opportunità importante per paese, Italia sta crescendo in fretta"-Recovery, Cottarelli: "Spendere al meglio fondi per istruzione, bene per crescita e giustizia sociale"-Musica: esce online ‘I M Remix’, la canzone dello scudetto dell’Inter-Covid: Bordo (Pd), 'quasi metà gruppo Lega non vota dl, inaffidabili'-Covid: deputati Pd, 'aumentare capienza sale, rimettere al centro cultura'-Scuola: Garante minori (Trento), 'è allarme, privacy studenti spesso violata da prof'-**Calcio: Preziosi vende il Genoa al fondo statunitense 777Partners**-Covid: Sgarbi, 'in green pass c'è qualcosa di incostituzionale e razzistico'-Calcio: Mourinho, 'Roma non è candidata a nulla, solo a vincere la prossima partita'-Onu: Draghi oggi interviene al ‘Global Covid-19 Summit'-Giustizia: Mirabelli, 'su riforma processo penale insistere su riti e pene alternativi'

Agroalimentare: la contraffazione dovra’ essere un pessimo affare

Condividi questo articolo:

L’agroalimentare è simbolo del Made in Italy. Il Governo deve lavorare per far diventare la contraffazione un pessimo affare, afferma Susanna Cenni, parlamentare democratico alla Camera

 

 

Dall’olio al vino pregiato, dai salumi al Parmigiano: aumentano sempre più i prodotti Made in Italy contraffatti. E nel resto del mondo vengono venduti alimenti di origine italiana, che in realtà non lo sono. Come in Italia, a volte è capitato, vengono venduti prodotti pregiati  realizzati con materiali di scarto. Per limitare la contraffazione, l’unica via è renderla un pessimo affare. A pronunciarsi in tal senso è Susanna Cenni, parlamentare democratico alla Camera e capogruppo del Partito democratico nella Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione, della pirateria in campo commerciale e del commercio abusivo, commentando l’audizione del ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina in commissione anticontraffazione: ‘Abbiamo un ministro determinato nell’azione di contrasto alla contraffazione agroalimentare e un sistema di controlli che sta funzionando e che va rafforzato. Sessanta mila controlli e 32 milioni di euro di valore di sequestri ci dicono quale sia la misura del danno e quanto venga sottratto al mercato delle produzioni di qualità della nostra agricoltura e del nostro agroalimentare. L’auspicio è che diventi una delle battaglie determinati e qualificanti di tutto il governo e che Expo sia una grande vetrina di rilancio della battaglia alla contraffazione’.

‘Dobbiamo far diventare la contraffazione un pessimo affare rivedendo norme e sanzioni – prosegue Cenni –  Il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti ha grandi potenzialità, ma vigilare per il riconoscimento dei grandi sforzi compiuti su certificazioni di origine. Anche per quanto riguarda la riorganizzazione che sembra riguardare il corpo forestale occorre tenere ferme le funzioni di presidio agroalimentare e ambientale e di contrasto alla contraffazione di riferimento al Mipaf’.

gc

Questo articolo è stato letto 15 volte.

agroalimentare, alimentazione, made in italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net