ULTIMA ORA:

Plogging

Condividi questo articolo:

La nuova tendenza Eco-Friendly

Queste terminologie inglesi, stanno entrando nelle nostre vite giorno dopo giorno.
Leggendo la parola “Plogging” non ci salta in mente nulla. Allora proviamo a capire cosa significa!

Questa nuova tendenza eco-friendly, consiste nel raccogliere i rifiuti che si trovano sul proprio cammino mentre si è impegnati a fare jogging o altre attività sportive all’aria aperta.

L’idea alla base è quella che ottimizzare il tempo utilizzato normalmente per l’allenamento, per fare anche qualcosa di positivo per lo spazio in cui si vive. Chi vi partecipa, infatti, scende in strada munito di sacchi della spazzatura per raccogliere i rifiuti che incontra durante la sessione di fitness.

Il termine Plogging è la perfetta unione della parola svedese plocka upp (raccogliere) e dell’inglese jogging e ad inventarla dando vita al trend è stato Erik Ahlström che nel 2016 prima di trasferirsi in una città diversa rispetto a quella in cui risiedeva decise di ripulire l’area nella quale solitamente di allenava.

Il Plogging in Italia

Correre non ha mai fatto così bene, a se stessi e al pianeta: è la mission del plogging, attività sportiva che abbina alla corsa la raccolta di rifiuti, e che unisce quindi esercizio fisico e attenzione per l’ambiente. Anche l’Isola d’Elba, paradiso green e dell’outdoor, è diventata palcoscenico di questo duplice circolo virtuoso: infatti, la perla del Tirreno ha ospitato, per la prima volta, la tappa inaugurale dell’ottava edizione di Keep Clean and Run for Peace (KCR), la più lunga eco-maratona di plogging al mondo, iniziativa aperta a tutti che dal 2015 attraversa l’Italia per sensibilizzare la popolazione alla cura e alla pulizia del territorio.

L’edizione 2022 della Keep Clean and Run si è tenuta a fine aprile dalla spiaggia di Cavo del comune elbano di Rio, all’estrema punta nord, e attraversando l’isola lungo la sua dorsale verde, la Grande Traversata Elbana; l’itinerario escursionistico per eccellenza dell’Elba, vero e proprio polmone dell’isola, è stato percorso dai partecipanti per circa 50 km fino alla spiaggia di Marciana Marina.

Tappa dopo tappa, chilometro dopo chilometro, il percorso dell’eco-maratona toccherà i territori di tutti e sette i comuni elbani, mostrando l’incredibile varietà di ecosistemi di queste terre sospese tra montagna e mare.

Se la terminologia inglese ci aiuta in queste bellissime iniziative, allora siamo ben lieti di accettarle nelle nostre vite quotidiane.

D.T.

Questo articolo è stato letto 25 volte.

iniziativa eco-friendly, isola d'elba, jogging, plogging, raccolta della spazzatura

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net